Notizie
Categorie: Lega Pro - Nazionali

Coppa Italia Lega Pro, l'8 Ottobre la Lupa Roma sfida la Casertana nella fase finale

La formazione di Cucciari giocherà a Caserta. Se passa ai sedicesimi, c'è il Benevento



La Lupa Roma sfiderà la Casertana"COPPA ITALIA LEGA PRO" 

In applicazione del Regolamento, si è provveduto in data odierna, presso la sede della Lega Pro, alla determinazione degli accoppiamenti delle 38 squadre ammesse alla Fase Finale che dovranno disputare le gare del Primo e Secondo Turno di Finale.

Si è provveduto, inoltre, per gli accoppiamenti relativi, al sorteggio per la designazione della squadra ospitante.

Pertanto, si riporta il programma delle gare del Primo e Secondo Turno nella date di seguito indicate: 

1° TURNO - QUALIFICAZIONI 

Mercoledì 8 Ottobre 2014

ALESSANDRIA – SAVONA

SUDTIROL – FERALPISALO’

PRATO – SANTARCANGELO

CASERTANA – LUPA ROMA

MATERA – BARLETTA

CATANZARO - COSENZA 

2° TURNO – SEDICESIMI DI FINALE 

Mercoledì 22 E 29 Ottobre 2014

Vinc. ALESSANDRIA/SAVONA – PAVIA

COMO – NOVARA

MONZA – ALBINOLEFFE

CREMONESE – RENATE

Vinc. SUDTIROL/FERALPISALO’ – LUMEZZANE

BASSANO VIRTUS – MANTOVA

S.P.A.L. 2013 – VENEZIA

Vinc.PRATO/SANTARCANGELO – PISTOIESE

PISA – TORRES

PONTEDERA – L’AQUILA

TERAMO – ASCOLI PICCHIO

Vinc. CASERTANA/LUPA ROMA – BENEVENTO

LECCE – Vinc. MATERA/BARLETTA

JUVE STABIA – ISCHIA ISOLAVERDE

SALERNITANA – MESSINA

Vinc. CATANZARO/COSENZA - REGGINA 

FASE FINALE 

1) PRIMO E SECONDO TURNO

Alla Fase Finale partecipano 38 società di cui 11 qualificate nella Fase Eliminatoria e le 27 che hanno partecipato alla TIM CUP organizzata dalla Lega Nazionale Professionisti Serie A.Il Primo e Secondo Turno si svolgono con gare ad eliminazione diretta in gara unica in casa della squadra prima nominata. 

Modalità di svolgimento

Nel Primo e Secondo Turno della Fase Finale ad eliminazione diretta con gare di sola andata, ottiene la qualifica al turno successivo la squadra che ha segnato il maggior numero di reti.

Risultando pari il numero di reti segnate, le squadre devono disputare due tempi supplementari della durata di 15 minuti ciascuno.

Perdurando la parità anche al termine dei due tempi supplementari, l’arbitro provvede a far battere i calci di rigore.