Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

CreCas, ufficiali gli ingaggi di Abbondanza e Del Vecchio

Il club annuncia l'accordo raggiunto con il centrocampista ex Città di Ciampino e l'esterno d'attacco del San Cesareo



Simone Abbondanza con la maglia del Città di CIampinoL’ASD CreCas Città di Palombara comunica che i giocatori Valerio Del Vecchio e Simone Abbondanza faranno parte della prima squadra che nella prossima stagione disputerà per il secondo anno il campionato di Eccellenza. Arrivano alla corte del tecnico Claudio Fazzini due giocatori importanti, reduci, rispettivamente, da Serie D e Promozione.  Il più giovane, nato a Roma l’11 ottobre 1990, è Valerio Del Vecchio, ex Monterotondo Lupa, San Marino Calcio e San Cesareo. Più di 100 presenze in Serie D per l’attaccante esterno di movimento, dotato di grande dinamismo e fisicità. “Dopo un colloquio con il direttore sportivo Marco Ferramini e il patron Valentini, ho scelto il CreCas, una squadra con giocatori importanti e con grandi ambizioni”. Queste le dichiarazioni di Del Vecchio, che per la prima volta andrà ad incontrare una realtà calcistica completamente nuova: “Nonostante sia un’esperienza del tutto nuova per me, so che il campionato di Eccellenza sarà molto competitivo, molte squadre si stanno attrezzando al meglio, ma quello che mi interessa è vincere. Questa è una mia priorità. So che il mister mi ha voluto e che farò parte di un gruppo importante: io – conclude – cercherò di calarmi nella categoria e di dare una mano portando la mia esperienza”.  Frascati, Civita Castellana, San Cesareo, Colleferro, Serpentara e Città di Ciampino: questo il lungo curriculum di Simone Abbondanza, tra Eccellenza, Serie D, e gli ultimi campionati vincenti in Promozione. Quelle del centrocampista classe 1988 sono subito parole d’amore per la società sabina, che, dopo tanti anni, l’ha riportato nella sua terra d’origine: “Sarà veramente emozionante giocare nella squadra del mio paese, che merita sicuramente un palcoscenico migliore”. La caparbietà, la forza e la cattiveria agonistica dell’intermedio non si possono non captare dalle sue parole: “Sono un giocatore di forza, corsa e personalità, che è quello che serve all’interno di un team. Sono contento di venire in una società che ha voglia di crescere e in una squadra che vuole fare un campionato ad alti livelli. Ho intenzione di portare in alto il nome di questa società e spero di poter contribuire a questo ogni domenica. Manco nella categoria da un po’ e questa per me sarà una nuova sfida". Due ruoli diversi, due carriere diverse, un unico obiettivo: vincere la stessa sfida, quella del CreCas.