Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

Curiosità e approfondimenti della 7ª giornata di campionato

Passo falso Santa Severa, Cpc e Ronciglione ringraziano. Scatto Valle del Tevere, Sant'Angelo Romano balzo con giallo



Stefano Scaricamazza allenatore Valle del TevereE' stata una gran giornata di campionato in entrambi i raggruppamenti. Non è mancato nulla: conferme, goleade, scivoloni, sviste arbitrali e polemiche. Il primo turno di novembre sorride a Compagnia Portuale, Ronciglione e Valle del Tevere, saldamente in testa e “alleggerite” dai passi falsi di Soccer Santa Severa e Lepanto Marino. Montespaccato e Guardia di Finanza sono sempre lì, il Real Monterotondo Scalo affonda a Sant'Angelo Romano, il Tor di Quinto continua a sorprendere.

Image title

L'avevamo annunciato sabato: per Santa Severa e Valle del Tevere quelli contro Città di Cerveteri e Cantalice sarebbero stati due esami di maturità. Rimandata, nel girone A, la squadra di Masini che, orfana di Catracchia, perde imbattibilità casalinga e vetta della classifica. Promossa a pieni voti la compagine di Scaricamazza, che però dovrà rinunicare a Fiorentini e Giannetti, squalificati, in vista del prossimo match contro il Real Monterotondo Scalo. Real che incassa la seconda sconfitta consecutiva in quel di Sant'Angelo Romano al termine di un match rocambolesco, in cui il direttore di gara la combina grossa esibendo per due volte il cartellino giallo a un difensore locale, senza espellerlo: gara da rigiocare? Sempre nel girone B, il pareggio interno della Lepanto Marino contro il Passo Corese costa il primo posto alla truppa di Leone. Primo posto che, tornando all'altro raggruppamento, Cpc e Ronciglione United si tengono stretto con le vittorie in goleada contro Santa Marinella e Futbolclub. Godono Guardia di Finanza e Montespaccato, che continuano a rincorrere le capolista a suon di gol. Un'altra goleada permette al Tor di Quinto di risalire la china a spese della Spes Poggio Fidoni, vince ancora il La Rustica di Massimo Bonanni, sprofonda miseramente il Guidonia, sempre più in crisi.

Image title