Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

Davide Guida:"Sono pronto per questa nuova sfida"

L'ex allenatore della Juniores del Fregene ha appena firmato con la Vjs Velletri. Ecco le sue prime parole da rossonero



A tu per tu con il nuovo allenatore della Vjs Velletri Davide Guida, scopriamo il progetto di crescita alla base del club, caratterizzato da una solida programmazione, umiltà e competenza. Guida è un uomo innovativo, uno di quelli che ci mette la passione, questo, lo si capisce da come risponde al telefono. E quando si unisce la passione a un’esperienza (in questo caso, in parte, anche di spessore internazionale)  la strada da percorrere non può che essere luminosa.


Guida nel giorno della presentazioneMister, anno nuovo vita nuova. Parliamo delle circostanze che ti hanno portato a Velletri. “Le cose si sono evolute in modo molto naturale. è arrivata una chiamata da parte del Direttore Sportivo Bruni, alla quale sono seguiti un paio di incontri. In quelle occasioni ci siamo confrontati sul nostro modo di vedere il calcio; mi sono stati poi esposti, in maniera chiara e seria, i programmi della società da qui a tre/quattro anni. Posso dire di essermi trovato in un ambiente affamato, consapevole di quello che vuole fare, pur mantenendo i piedi per terra.”


Se volessimo ridurre a una sola parola l’aspetto che più ti ha convinto ed entusiasmato del mondo Velletri, quale sarebbe? “In una sola non saprei, ne dico tre: umiltà, programmazione e competenza. Tre caratteristiche in cui mi rispecchio e che riflettono il calcio che mi piace, quello che vorrei vedere.”


Rileggendo il tuo primo intervento da tecnico rossonero si fa riferimento (clicca qui) a un concetto ambizioso: Tentare d’imporre una mentalità professionistica. In che modo si pensa di raggiungere tale fine? “Secondo me, a livello calcistico, i vari settori devono avere dei responsabili che devono essere, a loro volta, responsabilizzati: devono essere lasciati liberi di lavorare secondo le loro metodologie per poi, naturalmente, venire giudicati in base ai risultati ottenuti. Quando parlavo di professionalità, mi riferivo al cercare d’impostare la gestione tecnico/tattica della prima squadra con una programmazione, per esempio, molto anticipata rispetto all’inizio del campionato, legarla a uno staff tecnico. Verranno infatti con me il mio preparatore atletico e il mio secondo, che tra l’altro, si occuperà dell’analisi dell’avversario. La match analysis è un aspetto che curo molto fin dagli inizi, a mie spese. Ero solito chiedere a ragazzi, appassionati di video amatoriali, di riprendere le partite sia mie, che degli avversari. Questo per me è fondamentale. Dunque, in sintesi, Nonostante nel dilettantismo non ci sono le risorse presenti nei campionati maggiori, tenteremo di programmare e gestire la squadra nel modo più professionale possibile.”


Guardando le statistiche della Vjs Velletri in quest’ultima stagione, emergono due dati: miglior difesa della fascia bassa della classifica (46 goal subiti), ma con qualche difficoltà in fase realizzativa: con sole 41 reti all’attivo, aveva il terz’ultimo attacco del girone. “Per quanto riguarda la stagione appena trascorsa, non mi sento di giudicare o commentare il lavoro dei colleghi che mi hanno preceduto. Ho visto anch’io i dati statistici di quest’anno: un buon inizio seguito da un periodo di difficoltà, però ecco, onestamente non sono a conoscenza delle cause di questo calo. Preferisco voltare pagina, riniziare da zero, piuttosto che rivolgermi al passato. Se ho conosciuto i ragazzi? La settimana scorsa è stata dedicata alla programmazione del ritiro e agli incontri con i ragazzi nuovi, in questi giorni invece avrò modo di parlare con quelli che sono stati confermati dall’anno scorso.”