Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

De Marco ed un'autorete regalano il successo alla Perconti sulla Lodigiani

Buona la prima in panchina per l'ex Futbolclub Andrea Cardone



Image titleLODIGIANI                  0

VIGOR PERCONTI  2 

MARCATORI De Marco 15'st rig., Neri 23'st aut.

LODIGIANI Castellani, Manni (24’stTricerri), Gianpietro (21’st Michetti), Buttarelli, Apostoli, Neri,Unguru (24’st Catalano), Demofonti, Giorgi (11’st Borrelli),Barchiesi (16’st Rosati), Pietripaoli (28’st Brunetti) PANCHINA Reali ALLENATORE Grande 


VIGOR PERCONTI Francabandiera, Dafano,Fragni, Petrone, Morazio, Zappalà, Barbarisi (36’st Valentino),Sanesi, Zady (1’st Santoro), Vitolazzi (17’st De Battistis), DeMarco (25’st Coppola) PANCHINA Colantoni, Forte, Gatti ALLENATORE Cardone 

 

NOTE Ammoniti Demofonti, Pietripaoli, Petrone, Dafano, Morazio Angoli 3-4 Rec. 1’pt - 4’st 


Vigor Perconti, buona laprima. Il neo mister Andrea Cardone bagna l’esordio stagionale ingare ufficiali con un successo britannico sulla Lodigiani del tecnicoAngelo Grande, al termine di un match disputato in crescendo e nelquale ha messo in evidenza alcuni talenti individuali di sicuraprospettiva: De Marco e Barbarisi su tutti. Dopo un primo tempo nelquale è la Lodigiani a sfiorare il vantaggio, con il colpo di testadi Neri sugli sviluppi di un corner, con la palla che finisce sullatraversa a Francabandiera battuto, è nella ripresa che si sblocca ilpunteggio; al 14’ Pietripaoli atterra fallosamente Vitolazzi inarea e per l’arbitro non ci sono dubbi : rigore ed ammonizione.Dagli undici metri, De Marco non sbaglia: traiettoria centrale chespiazza Castellani e porta in vantaggio i suoi. Il raddoppio arrivaotto giri di lancette più tardi e vede protagonista ancora una voltail numero undici blaugrana, che mette al centro dalla sinistra,trovando l’involontaria ma decisiva deviazione in porta di Neri,che fissa quindi il punteggio sul 2-0. Prima del triplice fischio,però, c’è ancora spazio per un brivido: Demofonti trova lo spaziogiusto per calciare in porta a botta sicura, ma trova sulla suastrada un bravissimo Francabandiera che gli nega la gioia del goldeviando la sfera in calcio d’angolo.