Notizie
Categorie: Altri sport

Dennis Foggia tira le somme dopo la gara del Mugello: "Peccato per il finale, Montella era alla mia portata"

Il centauro romano: "Lo zero del primo round mi ha un po’ condizionato; inoltre la partenza bagnata non mi ha dato fiducia. Temevo di cadere, ho gestire meglio la corsa con l’obiettivo di prendere punti.



Il quinto e sesto round stagionale di CIV Moto 3 hanno insegnato molto ad uno degli esordienti più in vista del 2015, Dennis Foggia. Un fine settimana ricco di colpi di scena tra una pista ricca di insidie, una gara iniziale che lascia l’amaro in bocca e la seguente che serve da lezione per iniziare ad interpretare meglio i segreti delle due ruote nei momenti che contano. Foggia fa già tesoro di tutto ciò e i suoi 14 anni non sembrano essere così pochi di fronte a tanta maturità e consapevolezza nell’analizzare l’intensa tre giorni di Scarperia. 

Dennis Foggia prima della partenza

Il bilancio Le fatiche del fine settimana iniziano con un promettente sesto tempo nella sessione di prove libere a disposizione. “The Rocket” prende confidenza col tracciato studiando bene i punti critici ed impressionando molto nei tratti in cui dimostra molta confidenza. La free practice si chiude con un buon sesto tempo, subito a ridosso dei favoriti. Più complessa la lettura delle qualifiche e di gara-1: “Missiletto 71” migliora nella Q2 anche se non va oltre la nona casella in griglia. La posizione non lo scoraggia: “Sapevamo che era difficile mantenere lo stesso passo del gruppetto in gara, ma ci dovevamo provare”. Il round ha però evidenziato l’ottimo ritmo nonché le interessanti potenzialità della sua RMU: “La partenza non è stata delle migliori. Dopo è iniziata una bagarre con Bruno Ieraci e Coletti fino inconveniente dell’ultimo giro con i giudici di gara”. Dennis infatti era quarto fino al 12esimo giro quando sia lui sia i rivali si sono imbattuti in una segnalazione errata (ultimo giro) che ha vanificato gli sforzi ottenuti: “Lo hanno valutato come ritiro – spiega amareggiato il pilota romano – pensavamo fosse finita”. Gara2 si è rivelata più difficile del previsto: “Lo zero del primo round mi ha un po’ condizionato; inoltre la partenza bagnata (due giri warm-up concessi a tutti, ndr) non mi ha dato fiducia. Temevo di cadere, ho preferito non rischiare e gestire meglio la corsa con l’obiettivo di prendere punti. Peccato per l’epilogo finale, Montella era alla mia portata”.  


Verso Imola Il prossimo appuntamento in calendario è previsto dal 18 al 20 luglio in quel di Imola. Il centauro della RMU Racing Team ha le idee chiare: “Imola è una pista che mi piace molto, la preferisco di gran lunga al Mugello. Userò la testa, so che dovrò dare tutto già dalle libere e sfruttare la moto al 100%”. 


Classifica Foggia occupa la settima piazza nel ranking generale della CIV Moto3 con 47 punti dopo sei gare. Il round emiliano costituisce un importante banco di prova per definire meglio le potenzialità del numero 71  pronto e determinato più che mai a ben figurare su un tracciato affascinante e sul quale potrà esprimere sicuramente al meglio le proprie caratteristiche tecniche.