Notizie
Categorie: Dilettanti

Di Stefano (Colle di Fuori):"Vogliamo vincere la sfida"

Il club castellano appena rivoluzionato a livello dirigenziale mette le cose in chiaro con le parole onorario



Image titleIl Colle di Fuori non si nasconde. Banditi i catenacci verbali tipici dell’estate in cui trionfano gli “speriamo” e i “vorremmo”, il club castellano appena rivoluzionato a livello dirigenziale ha subito messo le cose in chiaro con le parole del presidente Antonio Di Martino e del direttore generale Marco D’Ulizia dalle quali non si discosta praticamente per nulla nemmeno il presidente onorario Roberto Di Stefano. "Questa è una sfida nata quasi per gioco, da una chiacchierata tra me e Antonio (Di Martino, ndr) che ci conosciamo da una vita e dall’opportunità che è uscita a Colle di Fuori dove personalmente ho un paio di amici. Ma se abbiamo deciso di tuffarci in un’avventura calcistica non è per fare le cose tanto per farle: vogliamo competere per vincere anche se sappiamo che non saremo gli unici a partire con questo obiettivo. Siamo pronti, però, ad affrontare le difficoltà della Prima categoria». Per Di Stefano (come anche per Di Martino) sarà la prima volta da dirigente di un club dilettantistico. «Vedremo cosa ne uscirà, comunque ho vissuto per anni questo mondo avendo un figlio (il portiere Daniele, ndr) che ha militato anche in serie D con Ostiamare e Palestrina". Il Colle di Fuori, insomma, punta alla Promozione. Ma per Di Stefano non è giusto, al momento, porre limiti ad eventuali ulteriori scalate. "Se riuscissimo a vincere si creerebbe ancora più entusiasmo di quello che c’è attualmente – spiega il presidente onorario – Obiettivi massimi, per ora, non esistono". L’impatto con Colle di Fuori e con il tecnico Domenico Tripodi sono stati positivi. "Ho conosciuto tutti i componenti societari (molti dei quali facevano parte del “vecchio” Colle di Fuori, ndr) con in testa il vice presidente Daniele D’Innocenti: mi sono sembrate persone serie, ma soprattutto appassionate di calcio e amanti di questo club. Il mister? E’ un uomo meticoloso che sa il fatto suo"