Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

Di Trapano: “Dobbiamo giocare come sappiamo per restare nelle zone che contano"

Il capitano del Calcio Sezze traccia un bilancio della prima metà di campionato



“Dobbiamo stringere i denti e giocare come abbiamo dimostrato di saper fare per restare nelle zone che contano della classifica”. Ha le idee chiarissime Giovanni Di Trapano, classe 1985, capitano del Calcio Sezze, che traccia un Giovanni Di Trapanobilancio della prima metà del campionato in corso: “E’ sicuramente soddisfacente – spiega il capitano rossoblu – anche se resta il rammarico per un certo numero di punti buttati al vento. Mi riferisco alle gare contro Lenola in casa, contro Alatri e contro Pontinia, in cui sicuramente potevamo ottenere di più e non l’abbiamo fatto. Anche contro la Bovillense praticamente ci siamo segnati da soli e la sconfitta ha fatto male, ma restiamo consapevoli che comunque abbiamo dimostrato di potercela giocare con chiunque e possiamo ancora fare bene”. La squadra è tornata a lavorare dopo la gara sospesa per nebbia in casa del Lenola e adesso per Di Trapano e compagni arriverà una serie di gare in cui sarà importantissimo non sbagliare: “Sarebbe bello piazzare un filotto di risultati, anche se sappiamo che sarà difficile, perché in questo campionato molte squadre sono più attrezzate rispetto al girone di andata. Da parte nostra c’è però la consapevolezza che possiamo giocarcela con tutte, considerato che le abbiamo affrontate e, ad eccezione della Dinamo Colli, ce la siamo giocata praticamente ad armi pari. Colli e Lenola hanno un passo in più, ma nel calcio non si può mai dire”. Bilancio positivo per il capitano del Sezze e voglia di andare avanti per stupire: “Ad inizio campionato non erano in tanti a considerare la nostra squadra, ma li abbiamo fatti ricredere, giocando bene e portando a casa tanti punti che ci permettono di restare tra le grandi del girone. Sarà difficile confermare quanto di buono abbiamo fatto vedere nel girone di andata, ma siamo obbligati a provarci, perché siamo un bel gruppo e abbiamo alle spalle una società di spessore, che non ci fa mancare niente e che crede in questo progetto. 30 anni tra qualche mese, Di Trapano in questa stagione ha coronato il sogno di indossare la fascia di capitano: “E’ una responsabilità che mi sono assunto ed è molto emozionante indossarla per la squadra della tua città e rappresentare il calcio a Sezze in giro per il Lazio. Indosso questa maglia da 12 anni e mi posso ritenere orgoglioso di essere capitano di questa squadra. Posso assicurare tutti che lotteremo fino alla fine e continueremo a toglierci soddisfazioni”.