Notizie

DLF, Supino commenta: “Con il Certosa ho visto la grinta”

Il parere del tecnico biancoverde sulla prima gara in campionato. Tre punti in tasca e pronti a fronteggiare il Massimina



Franco Supino e la squadraGrande avvio stagionale per il DLF Civitavecchia, che riesce a strappare i primi tre punti al termine della difficile e combattuta partita con il Certosa. Soddisfatto dell’atteggiamento dei suoi mister Supino: “Quel che è emerso fin dall’inizio della gara è stata la nostra concentrazione. Dopo essere andati in vantaggio, abbiamo sfiorato il raddoppio in più occasioni, finchè non è arrivato il rigore per loro, a mio avviso molto dubbio. Ma fortunatamente non siamo calati, nonostante anche la direzione di gara particolare: tante ammonizioni, durante la partita, tanto che siamo stati costretti a giocare quasi tutta la seconda frazione di gioco in dieci. Questo ha comportato chiaramente un calo nella nostra incisività, ma non nella compattezza. Cosa mi ha piacevolmente sorpreso? L’atteggiamento, la voglia e la determinazione mostrata già in altre occasioni, ma più concreta stavolta, rispetto alle amichevoli nel precampionato. Ho visto la grinta applicata agli schemi: un agonismo a tutto campo che ha impedito agli avversari di ragionare.” Franco Supino segna come unica annotazione negativa, alcune lacune in fase difensiva, assolutamente colmabili, ad ogni modo, con il lavoro. Ed al prossimo appuntamento sarà il Massimina ad attendere i dielleffini. Una formazione, quella allenata da Spogani, infervorata dopo il grande esito con l’Ostiamare nella prima giornata (0-1): “Stando a quanto abbiamo sentito e letto, si tratta di una squadra di spessore. Purtroppo ci presenteremo alla sfida con svariate assenze per infortuni (la maggiorparte sopraggiunti per cause extracalcistiche, ndr), oltre l’assenza pesante di Cuomo per squalifica. Pertanto non saprei dire come cominceremo la partita questo sabato, dipenderà dalle esigenze del momento.” Attenzione in particolare al rischio della panchina corta: sarà una gara in cui il DLF non potrà fare affidamento tattico su un sostanzioso ricambio di forze in campo.