Notizie

Domenica 1 novembre è ingresso gratuito nei Musei del Lazio

Numerosi appuntamenti per tutti gli amanti del Patrimonio artistico regionale. Nella prima domenica del mese, aperture eccellenti nelle provincie di Roma, Latina e Viterbo



Volsinii, presso Bolsena, una delle aree aperte gratuitamente

Roma ed il Lazio schiudono gratuitamente le porte dei propri tesori ai visitatori che domenica prossima vorranno passare una giornata all’insegna dell’Arte e della Cultura, privilegiando magari una serie di percorsi inediti ed alternativi.


Nella Città eterna. A Roma sarà protagonista anzitutto la grande arte contemporanea del MACRO: nella sede di Via Nizza è in corso infatti la XIV edizione del Festival Internazionale di Roma dedicato alla fotografia; Koki Tanaka propone un’ampia personale direttamente dal Giappone; presenti anche Emanuela Ascari ed il Collettivo “Gli Impresari” con i vincitori del programma “Artisti in Residenza 2015” e le installazioni di Inés Fontenla e di Beatrice Pediconi. Nella sede MACRO di Testaccio invece sarà la volta di “CosmicaMente” di Alberto Di Fabio e “Dalla materia alla luce” di Cristiano Pintaldi. Passando ai Musei Capitolini, le mostre relative a Raffaello, Parmigianino e Barocci accoglieranno i visitatori in grande stile e ci sarà inoltre la visita – appuntamento ore 11 sotto la statua di Marco Aurelio - dell’appartamento dei Conservatori, dei resti dell’antico Tempio di Giove Capitolino e della originale statua equestre di Marco Aurelio. Presso la Galleria nazionale di Arte Moderna sarà possibile passare in rassegna la mostra di Arte otto-novecentesca, mentre a Palazzo Braschi si potrà accedere alle mostre “War is over! L’Italia della Liberazione nelle immagini dei U.S. Signal Corps” e “Istituto Luce, 1943-1946”. Altre tre mostre saranno visitabili presso il Museo di Roma di Trastevere: “Mc Mafia-mafia, camorra e ‘ndrangheta nella storia del fumetto”, “Stories” – racconto di fotogiornalismo di Andy Rocchelli - e “K & K – František Krátký e Pavel Kopp, due sguardi sull'Italia”. Ancora, saranno ammirabili la mostra sulle illustrazioni di Mario Sironi per il quotidiano Popolo d’Italia a Villa Torlonia, nonché “L'eleganza del cibo” ai Mercati di Traiano. Il Museo Bilotti infine propone ulteriori tre mostre: “Cultura Domestica”, “La materia e il suo doppio” ed “Urbs Picta – la Street Art a Roma”.


Provincia di Roma e Lazio. Nella provincia di Roma si potrà visitare l’Antiquarium di Pyrgi e Area archeologica di Santa Marinella, l’Area Archeologica di Lucus Feronuiae e Museo Archeologico di Capena, il Museo civico di Bracciano, l’Area archeologica di Villa Adriana e la Villa d’Este di Tivoli, il Monastero benedettino ed il Sacro Speco di Subiaco, il Museo Nazionale e le Terme Taurinee di Civitavecchia, il Museo Archeologico Nazionale e Santuario della Fortuna Primigenia di Palestrina, il Museo delle Navi romane di Nemi, il Museo Nazionale Archeologico Cerite e la Necropoli della Banditaccia di Cerveteri, la Raccolta Manzù di Ardea, Villa di Orazio a Licenza e Villa dei Volusii a Fiano Romano. Continuando, a Viterbo saranno accessibili gratuitamente il complesso della Madonna della Quercia, la Basilica di San Francesco alla Rocca, il Museo Nazionale Etrusco-Rocca Albornoz, l’area archeologica dell’antica città di Ferento, e Villa Lante nella frazione di Bagnaia; nella provincia invece, i principali monumenti saranno: l’Anfiteatro romano di Sutri, Palazzo Farnese a Caprarola, Tomba Francois a Canino, l’Area del Foro e Domus Privatae della Città romana di Volsinii a Bolsena, il Museo Archeologico dell’Agro Falisco e Forte Sangallo di Civita Castellana, il Museo Archeologico di Vulci a Canino, la Necropoli ed il Museo Archeologico di Tuscania, il Museo archeologico Nazionale e la Necropoli di Tarquinia e Palazzo Altieri di Oriolo Romano. In provincia di Latina, porte aperte alla Cappella dell’Annunziata a Cori, al Comprensorio Archeologico di Minturno, al Museo Archeologico Nazionale di Formia ed al Museo Archeologico Nazionale di Sperlonga. Nel frusinate infine, apertura gratuita anche per il Museo Archeologico Nazionale Carettoni di Cassino (previa prenotazione).