Notizie
Categorie:

Dopo lo scudetto il Brescia si prende anche la Supercoppa: Tavagnacco ko

Le Rondinelle di Milena Bertolini rimontano il gol di Frizza con Sabatino e superano le friulane ai calci di rigore: fatale l'errore di Camporese, che colpisce il palo.



BRESCIA-GRAPHISTUDIO TAVAGNACCO         5-4 dcr

MARCATORI 18'st Frizza (T), 36' st Sabatino (B)

BRESCIA Marchitelli, Nasuti, D'Adda, Karlsson, Linari, Rosucci, Cernoia, Prost (dal 20'st Boattin), Sabatino, Girelli (dal 25'st Tarenzi), Bonansea PANCHINA Ceasar, Zanoletti, Zizioli, Costi ALLENATORE Bertolini

GRAPHISTUDIO TAVAGNACCO Penzo, Bissoli, Frizza, Tuttino, Pochero, Martinelli, Brumana, Sardu, Lauriola (dal 30'st Cecotti), Parisi, Camporese PANCHINA Blancuzzi, Nobile, Mantoani, Usenich, Veritti, Del Stabile ALLENATORE Di Filippo

ARBITRO Feraudo di Chivasso

NOTE Ammoniti Karlsson, Nasutti (B), Brumana (T) Sequenza rigori Linari (B) gol, Parisi (T) gol, Rosucci (B) gol, Brumana (T) parato, Karlsson (B) gol, Martinelli (B) gol, Bonansea (B) parato, Tuttino (T) gol, Sabatino (B) gol, Camporese (T) palo.


Brescia, la Supercoppa dopo lo scudetto © lnd.itIl Brescia vince la Supercoppa 2014 battendo ai rigori il Tavagnacco nella sfida che ha messo di fronte due tra le formazioni protagoniste della scorsa stagione del calcio femminile italiano. Da una parte le leonesse del Brescia, campionesse d'Italia in carica, che hanno conquistato per la prima volta il tricolore al termine di una cavalcata travolgente; dall'altra le friulane del Tavagnacco, detentrici della Coppa Italia, alla loro terza finale di Supercoppa. Per la squadra gialloblu prosegue la maledizione del 2012 e del 2013: nelle altre precedenti edizioni il trofeo è andato alla Torres, con l'identico risultato di 2-1. Al vantaggio del Tavagnacco, siglato da Gloria Frizza, ha risposto Daniela Sabatino per il Brescia. Ai rigori decisivo l'errore di Elisa Camporese, che ha colpito il palo. Il Brescia ha centrato un nuovo e prestigioso traguardo nella cornice dello stadio comunale di Montecchio Maggiore, uno dei primi impianti in Italia concepiti senza barriere, messo a disposizione dal club cittadino che milita nell'Eccellenza del Veneto.

Dopo un quarto d'ora le friulane hanno la prima vera occasione della partita: dai piedi di Parisi parte un destro insidioso che Marchitelli riesce a smanacciare con un intervento degno del tiro dell'avversaria. Al 23' la risposta del Brescia: Girelli lancia in profondità Sabatino ma l'arbitro fischia il fuorigioco su segnalazione dell'assistente. Al 29' il Tavagnacco manca di un soffio il gol del vantaggio: Sardu non riesce ad effettuare il tap-in sul passante di Camporese che attraversa tutta la linea di porta. La ripresa si apre con le stesse formazioni. Al 12' il Tavagnacco si rende pericoloso con una bella conclusione dal limite dell'area di Brumana, alta di poco sopra all'incrocio dei pali. Al 17' le gialloblu passano in vantaggio: punizione di Parisi dal limite e sulla corta respinta Frizza ribadisce in rete. Poco dopo il Tavagnacco potrebbe raddoppiare ma Lauriola nel tentare la girata decisiva calcia in modo sbilenco, con la palla che termina sul fondo. Al 35' il Brescia va vicino al pareggio con Tarenzi, bloccata da Penzo, ma pochi istanti dopo arriva la rete di Sabatino a riportare il match in equilibrio. Equilibrio che conduce alla lotteria dei rigori. A spuntarla dal dischetto è il Brescia, con il penalty decisivo realizzato dalla stessa Sabatino.