Notizie
Categorie: Giovanili - Giovanissimi

Dopo quattro stagioni la Vigor Perconti centra nuovamente la finale nei Giovanissimi Elite, superando la Lodigiani

Un gol del centrale di difesa Remia manda al tappeto la formazione biancorossa



Remia, il match winnerMARCATORI 36′st Remia 

VIGOR PERCONTI Cellitti 6, Valentini 6, Crapolicchio 6.5, Bellardini 7, Checola 6.5, Remia 6.5, Brunetti 6.5, Talamoni 6.5 (1′st Marra 6), Bamba 6, Renzi 6.5 (37′st Sparaciari sv), Stante 6 (9′st Mancini 6) PANCHINA Galantini, Topa Esposito, Acanfora, Ciorba ALLENATORE Caranzetti  

LODIGIANI Riccio 6, Stramenga 6.5, Vagliviello 6, Bivona 6 (29′st Cossa sv), Mazzon 5.5, De Santis 6, De Carli 6 (33′st Barbusca sv), Fede 6 (26′st Vena sv), Indovino 5.5 (4′st Pascarella 6), Sandu 5.5 (15′st Mazzoli 6), Romani 5.5 PANCHINA Colasanti, Argenio ALLENATORE Luca Rivetta 

ARBITRO Racagnini di Latina, 6 

NOTE Angoli 7-3 

Dopo quattro stagioni la Vigor Perconti centra nuovamente la finale nei Giovanissimi Elite, superando la Lodigiani grazie ad un gol del centralone di difesa Remia a tempo praticamente scaduto. Nel 2010 un rigore di Franza consegnò il titolo contro l'Urbetevere, sabato prossimo al Fuso di Ciampino l'avversaria sarà la Tor Tre Teste, che ha eliminato proprio la formazione di via della Pisana dalla corsa al titolo. I ragazzi di Caranzetti trionfano con pieno merito, al termine di una sfida sostanzialmente equilibrata e che ha visto prevalere la formazione che sotto porta non ha sbagliato. L'undici di Rivetta ha infatti tenuto bene il campo, ma si è reso scarsamente pericoloso, fallendo con il suo uomo migliore, Sandu, il pallone del possibile 0-1, per poi lasciare a Cellitti una giornata di ordinaria amministrazione. L'occasione in questione arriva al 24' del primo tempo, con il numero 10 biancorosso che, solo davanti all'estremo difensore blaugrana, ha tutto il tempo di prendere la mira, ma calcia clamorosamente fuori con un diagonale troppo largo verso il secondo palo. Nella seconda parte di gara le due formazioni tornano a fronteggiarsi con equilibrio e, dopo un calcio di punizione di Brunetti che non sortisce effetto, quando ormai non si pensa altro che ai tempi supplementari, ecco arrivare il gol che cambia la storia durante il primo minuto di recupero: Remia è bravissimo nel liberarsi della marcatura avversaria e a colpire verso la porta, Riccio tocca ma non può far nulla, il pallone varca la linea e porta la Perconti in finale.