Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Doppio Valentino: il Gaeta fa il colpo in casa Certosa

Troppi errori, in entrambe le fasi, da parte dei padroni di casa che perdono la testa della classifica. I biancorossi giocano un match tatticamente perfetto e vincono con la doppietta di Valentino



MARCATORI Valentino 16' pt rig., 21' pt (G), Cutini 3' st rig. 

CERTOSA Gregnanin 5, Castaldi 5.5, Brancati 5.5 (36' st Coico sv), Laurenzi 6, Cornacchia 6.5, Terzi 5.5, Cutini 6.5 (29' st De Luca sv), Simeoni 6.5, Demofonti 5.5, Guidi 5 (1' st Costantino 5.5), Proia 6 PANCHINA Fallani, Todino, Errera, Guglielmo ALLENATORE Ranalli 

GAETA Venditti 6.5, Iorio 6 (22' st Vaudo 6.5), Sinico 6, Veglia 6.5, Noce 5, Colozzi 6.5, Carpisassi 5.5 (24' st Sorgente 6.5), Cera 6, Leccese 6.5, Valentino 7 (33' st Popolla sv), Di Luca 6.5 (43' st Calcagni sv) PANCHINA Galeno ALLENATORE Melchionna 

NOTE Ammoniti Gregnanin, Di Luca, Noce, Laurenzi, Veglia, Sinico, Sorgente Angoli 10-3 Fuorigioco 3-0 Rec. 2' pt, 4' st 

Gaeta, grande successo © Gazzetta RegionaleGrande colpo del Gaeta che ferma la capolista Certosa in trasferta. Un successo nato dall'intraprendenza in avvio dell'undici di Melchionna e degli errori della squadra di Ranalli che paga a caro prezzo due incertezze del portiere Gregnanin e la scarsa vena offensiva del suo reparto avanzato, sempre troppo morbido e impreciso nel momento del passaggio decisivo o della conclusione.

Dopo appena due minuti sono gli ospiti a farsi vedere conquistando un calcio di punizione pochi centimentri fuori dall'area, ma il destro a giro di Valentino è fuori misura, con la sfera che sorvola la traversa di un paio di metri. Nonostante l'avvio aggressivo dei biancorossi, la formazione di Ranalli prende presto in mano il pallino del gioco e crea una clamorosa palla gol all'11'. Noce sbaglia il retropassaggio per Venditti, Proia ne approfitta e salta il portiere ma si defila troppo per depositare nella porta sguarnita, scarico per Guidi che calcia a colpo sicuro ma Colozzi si immola con il corpo e devia in corner con un grande intervento. Proprio quando i viola sembrano aver preso le misure giuste, l'undici di Melchionna trova il vantaggio. Gregnanin manca la presa su un traversone apparentemente innocuo, Valentino ne approfitta e piomba sulla sfera venendo steso proprio dal numero uno di casa. Dal dischetto il numero dieci non sbaglia incrociando il destro. Il Certosa vuole immediatamente di ristabilire l'equilibrio, ma al 21' capitola ancora. Corner dalla destra sul quale Gregnanin si dimostra ancora insicuro respingendo con i pugni tra i piedi di Valentino, stop di petto e destro angolatissimo che non lascia scampo al giovane portiere viola, autore di una prima parte di gara da dimenticare. Il match è vibrante e dopo appena un minuto i padroni di casa hanno una clamorosa occasione per accorciare. Bellissima iniziativa personale di Simeoni che sfonda centralmente e si presenta tutto solo davanti alla porta, ma Venditti lo ferma con una grande parata. La respinta arriva a Proia che di testa va a colpo sicuro, ma Noce è fantastico e con un bel tuffo di testa devia in corner salvando la sua porta. I ritmi calano, il Certosa ci prova un paio di volte con Cutini a cavallo del 35', ma nel primo caso Venditti devia in corner, nel secondo blocca il diagonale dell'esterno in bello stile. Poco prima dell'intervallo altra grande chance per Ranalli e i suoi di dimezzare lo svantaggio. Ancora Cutini protagonista, stavolta come assist man, grande cross per Guidi ma il fantasista da centro area tenta la mezza girata in acrobazia sparando alle stelle.

Le strilla di Ranalli negli spogliatoi devono essere state recepite dai suoi, perché il Certosa entra in campo con tutta un'altra verve. Dopo appena un minuto Venditti è super in uscita su Cutini, autore di una bella iniziativa personale viziata in avvio da un fallo di mano non visto dal direttore di gara. L'appuntamento con il gol è comunque rimandato di pochi istanti. Noce stende Proia in maniera evidente. Rigore ineccepibile che Cutini traforma con un sinistro precisissimo. La spinta dei locali è insistente, ma negli ultimi sedici metri è la precisione a tradire le offensive dei padroni di casa. Così è il Gaeta a creare una nitida palla gol al 14', ma il colpo di testa di Noce sugli sviluppi di un corner esce di un soffio. Il forcing viola è continuo, ma manca sempre l'ultimo passaggio e tante potenziali occasioni si tramutano in un nulla di fatto, con lo sforzo profuso che si rivela quasi sempre inutile. Così la chance per il pari arriva da fermo. De Luca conquista una punizione dal limite della quale si incarica Laurenzi: destro a giro che termina sull'esterno della rete dando solo l'illusione ottica del gol. Il centrocampista ci prova anche allo scoccare del 45', ma la traiettoria è leggermente alta. Poi non c'è più tempo, perché il Gaeta si difende con ordine e porta a casa tre punti inaspettati e conquistati grazie ad una grande abnegazione e ad un'organizzazione tattica dovuta, evidentemente, alla mano di un tecnico esperto come Melchionna.