Notizie

"Ecclesia Mater": la cattedrale ritorna protagonista

Questa sera nel massimo tempio dell’Arcidiocesi sudpontina, recentemente riaperto, si terrà la presentazione del libro narrante la storia del monumento stesso.



Image titleSi svolgerà questa sera alle ore 19 presso la Basilica-Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano e di Santa Maria Assunta in Gaeta la conferenza di presentazione del nuovo volume di Lino Sorabella, dal titolo "Ecclesia Mater - La Cattedrale di Gaeta". Alla conferenza, moderata da Paolo Colarullo, parteciperanno evidentemente l’autore, L’Arcivescovo di Gaeta Mons. Fabio Bernardo D’Onorio, Mario D’Onofrio docente di Storia dell’Arte medievale presso la “Sapienza – Università di Roma). Edito da Armando Caramanica, il volume vuole narrare anzitutto il percorso storico e le vicissituzioni dell’Arcidiocesi sudpontina, a partire da quelli che ne furono i baluardi iniziali: Minturno, Formia e Fondi, sedi vescovili successivamente soppresse. Accanto a ciò segue una cronistoria di avvenimenti legati alla storia della Chiesa di Roma, focalizzando specialmente su Papi ed antipapi. Ulteriore focus, oltre a quello sugli eventi passati, consta nelle successive stratificazioni storico architettoniche, i necessari restauri, gli interventi di consolidamento radicale degli ultimi anni, la ricognizione canonica di reliquie ed i ritrovamenti archeologici. Un volume che dunque scorre bene nelle sue centoventotto pagine complessive e che, dotato di un robusto apparato iconografico a colori, vuole offrire un contributo agli eventi recenti della realtà gaetana, portare in luce quelli antichi, recuperando così una memoria storica ancora viva e palpabile. Il testo si compone anche di ulteriori contributi illustri, quali quello dell'Arcivescovo D'Onorio, del critico d'arte Vittorio Sgarbi – che già all’indomani della inaugurazione della Cattedrale tenne una serata-evento in cui l’edificio venne presentato in tutta la sua multiforme e luminosa realtà - dell'esperto di marmi antichi Dario Del Bufalo e del Magistrato di Cassazione Beniamino Russo.