Notizie

Elezioni in Ciociaria, ecco i risultati

La lunga notte degli scrutini in Ciociaria è quasi agli sgoccioli: manca solo Ceccano, ma nei restanti otto comuni chiamati alle urne i dati sono ormai definitivi.



Una veduta di Ceccano, dove gli scrutini sono ancora in corsoAffluenza record nei comuni della Ciociaria chiamati alle urne nella tornata elettorale di ieri: tra il 60,1% di Belmonte Castello e l’82,4% di Guarcino, l’aspettativa di voto è andata ben oltre le più rosee previsioni. Per quanto riguarda i dati, al momento resta provvisorio il solo dato di Ceccano, dove sono state scrutinate quattordici sezioni sulle venti complessive: in vantaggio Roberto Caligiore della omonima lista civica con il 32,4% rispetto allo sfidante Luigi Compagnoni, inchiodato al 16,77%. A Belmonte Castello, dove hanno votato 588 su 977 elettori, Antonio Iannetta della Lista Civica Grappolo d’uva vince col 63,66% su Emilio Roncone della Lista Civica Primavera Belmontese, fermatasi poco sopra il 36%. A Fiuggi i 5809 votanti hanno eletto Fabrizio Martini della Lista Civica Fiuggi unita con un ragguardevole 72,9% mentre a Fontana Liri è Gianpio Sarracco della Lista civica Adesso Fontana che si aggiudica la fascia tricolore con il 48,5%. A Guarcino, dove si è avuto il picco di affluenza, Urbano Restante della Lista Civica Guarcino di Tutti è sindaco  con il 41,9%; a Patrica invece, il 57,7% dei voti è andato a Lucio Fiordalisio ed alla sua Lista Civica Patrica nel cuore. Testa a testa clamoroso inoltre a Piedimonte San Germano, dove Vincenzo Nocella, eletto sindaco, l’ha spuntata con il 41,1% rispetto al 39% dei voti del principale sfidante, Luciano Spiridigliozzi. Infine va segnalato un altro testa a testa ancora più serrato a Pontecorvo, dove è stato eletto sindaco Anselmo Rotondo della Lista Civica Noi con voi, con un risicatissimo 37,7% rispetto al 36,1% di Riccardo Roscia della Lista Civica Noi con Roscia. In ultimissima battuta Trevi nel Lazio, dove la Lista Civica Trevi nel futuro, guidata da Silvio Grazioli, si aggiudica la maggioranza con il 49,5% dei voti staccando Pietro Salvatori, sfidante principale, fermo al 31,8%.