Notizie
Categorie: Nazionali - under 17

Empoli, parla il tecnico Bigica: "La finale? Vincerà la Roma"

Domani ci si gioca lo scudetto a Montepulciano. Ecco le parole del tecnico dei toscani ai nostri microfoni tra soddisfazione, scaramanzia e fame di vittoria: "Loro sono i favoriti ma noi arriviamo psicologicamente al massimo"



Emiliano Bigica, allenatore degli Allievi Nazionali dell'Empoli ©violanews.itQuando il Dio del calcio ti sceglie non puoi far altro che ringraziare, raccogliere l'invito e non deluderlo. Ecco l'Empoli, primo nel suo raggruppamento nella regular season, secondo nel girone di Final Eight e capace di sconfiggere la spaventosa Inter in semifinale ai calci di rigore. Dalle migliori otto alle migliori due in un attimo e domani i biancoblu avranno l'opportunità di scrivere la storia nella finale di Montepulciano contro però la Roma delle meraviglie. La missione è di quelle complicate, l'ultima e la più difficile. Per scoprire più a fondo il momento estasiante che l'Empoli sta vivendo, abbiamo parlato con l'allenatore dei toscani, Emiliano Bigica.

Mister, avete lottato contro i giganti ed ora eccovi in qui. Un traguardo quasi inaspettato. Come sta la squadra in vista della partita di domani?
“Arriviamo psicologicamente a mille e probabilmente ancora non ci rendiamo conto del capolavoro che abbiamo fatto. Abbiamo disputato una Final Eight con un coefficiente di difficoltà altissimo, uscendo alla lunga, iniziando con una sconfitta e dopo aver vinto un girone molto equilibrato nella regular season. Ovviamente la soddisfazione è tantissima: siamo una delle squadre più forti d’Italia, sono ancora tra le nuvole."  

Una finale figlia delle vittoria contro l’Inter. Com’è andata contro i nerazzurri?
“È stato un match molto combattutto e carico di grande phatos. Abbiamo resistito ai loro attacchi tenendo poi ottimamente il campo, riuscendo pure a creare importanti occasioni da gol nel finale di gara, i supplementari si sono trascinati fino a rigori e lì ci siamo dimostrati più freddi e fortunati di loro."  

Adesso però c’è la Roma. Come si ferma la corazzata di Coppitelli?
“Ho qualche idea su come provare a bloccare i giallorossi ma più che altro sarà importantissimo il fattore psicofisico. L’errore più grande dei capitolini sarebbe quello di sottovalutarci e di snobbarci ma dubito che Federico Coppitelli affronterà una finale scudetto sottogamba. Sarà una partita da godere dall’inizio alla fine."  

Cosa ti spaventa di più dei giallorossi?
“Soprattutto il collettivo, composto da tante individualità importanti, e poi la qualità abbinata alla quantità: ha la capacità di giocare sia di sciabola che di fioretto. Batterli è quasi impossibile, ma nella partita secca può succedere di tutto”

Domanda secca per chiudere: chi lo vince questo Scudetto?
“La Roma. Finisce 2-1 per loro. 51% loro, 49 noi. Scaramantico? No, in verità non sono mai stato bravo a fare pronostici (ride, ndr)…”