Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

Entusiasmo nello spogliatoio biancorosso. Paola: "Dietro questo successo ci sono tanti sacrifici"

Il difensore esalta il gruppo, così come il tecnico. Capitan Manunta, assente per infortunio: "Credevo a questa vittoria da inizio anno". Merloni, allenatore del Fiano: "Imprecisi in un paio di occasioni, ma niente rimpianti"



Fabio Del Monte © photosportroma.itNon poteva che chiudersi con un grande spettacolo. Fiano Romano e Sporting Tanas si sono infatti giocate il pass per i campionati regionali in una sfida al cardiopalma in cui solo la roulette dei rigori è riuscita a regalare ai ragazzi di Fabio Del Monte la corona di campioni di Roma. Svanisce proprio sul più bello quindi il sogno di un Fiano Romano che è rimasto in gara sino all'ultimo, riuscendo anche a rimettere in piedi il match a tempo praticamente scaduto: “Peccato per come è andata – ci dice un rammaricato Andrea Merloni, tecnico del Fiano Romano – soprattutto perchè ci siamo mangiati anche un paio di gol. Nonostante tutto nessun rimpianto, anzi voglio però fare i complimenti ai miei ragazzi, bravi a tornare in partita nonostante fossimo andati sotto ad una manciata di minuti dal termine. Complimenti comunque ai nostri avversari che hanno dimostrato di essere davvero una buona squadra”. Umore decisamente opposto è quello di Fabio Del Monte, mister di uno Sporting Tanas che, a sentirlo, ha chiuso l'anno così come l'aveva cominciato: “Una soddisfazione immensa soprattutto perchè con questa vittoria siamo riusciti a terminare la stagione restando imbattuti”. Esatto, nessuno ha saputo far meglio di una formazione che secondo il tecnico ha un unico segreto: “Il nostro segreto? Il gruppo. Ci siamo aiutati tutto l'anno gettando le basi del nostro successo giorno dopo giorno. Basti pensare che dall'inizio dell'anno siamo riusciti a mantenere un gruppo di ben ventiquattro giocatori, sui ventisei con cui eravamo partiti”. Ed è proprio il gruppo che adesso si gode il meritato trionfo: “Dietro questa vittoria c'è tanto allenamento, tanti sacrifici – ammette il difensore Leonardo Paola – gli obiettivi più grandi però si raggiungono solo se ci si impegna e noi oggi abbiamo dato il massimo”. Finale intensa, illuminata anche dai guizzi dei singoli come lo splendido gol firmato da Marco Giannini, ancora incredulo: “E' stata una partita combattuta decisa dagli episodi. Ho segnato, poi c'è stato il loro pareggio e alla fine ci sono voluti i rigori ma ce l'abbiamo fatta”. Tanti i protagonisti ma non solo dentro al campo perchè questa volta i ragazzi di Del Monte avevano un tifoso decisamente speciale: “Vincere questa finale è stato qualcosa di fantastico – ci racconta Luca Manunta, capitano della squadra oggi costretto a seguire i suoi dalla tribuna a causa di un infortunio – arrivare sin qui e poi non giocare è stato terribile ma in questi giorni ho parlato molto con i ragazzi e sapevo di poter contare su di loro. Dall'inizio dell'anno ci ho sempre creduto, volevo portarli tutti a giocarsi questa finale perchè la verità è che il Tanas doveva arrivare ai regionali e alla fine ce l'abbiamo fatta”. Impossibile aggiungere altro alle parole di ragazzi capaci di rendersi protagonisti di una cavalcata che, attraverso i sacrifici e il sudore di un anno intero, ha permesso loro di prendersi un posto in paradiso.