Notizie
Categorie: Giovanili - Giovanissimi

Etruria, Fortuni: "Non sono un caso 6 vittorie su 7 gare"

Le parole del tecnico: "Un avvio di stagione che non ci aspettavamo, le prossime tre partite saranno cruciali"



Etruria Calcio classe 2001Nel Girone A dei Giovanissimi Regionali c’è una compagine che si sta facendo notare in positivo con i risultati colti sul campo. Si tratta dell’Etruria Calcio, che si sta rendendo protagonista di un ottimo avvio di stagione, ritrovandosi in terza posizione, frutto di sei vittoria su sette gare giocate, dietro soltanto all’incredibile duo formato da Grifone Monteverde e Sporting Città di Fiumicino. Alla guida dell’Etruria c’è il tecnico Luca Fortuni, che si esprime così sull’andamento dei suoi ragazzi.

Mister, le tue impressioni sull’avvio di campionato?
“E’ un avvio di tutto rispetto e che non ci aspettavamo, anche l’obiettivo era quello di mettersi subito cinque squadre dietro per fare una stagione tranquilla. Non accadeva da anni che qui una squadra giocasse a livello Regionale: abbiamo un buon gruppo e non pensavamo di arrivare così in alto sinceramente. Abbiamo perso solo una partita in modo particolare, mentre i successi trovati sono stati meritati. Sono stupito anche io di come sta andando”.

Che margini di miglioramento vedi per la tua squadra?
“Le prossime tre giornate ci riveleranno il campionato che andremo a fare. Domenica andiamo a Fiumicino, giocando contro una buona squadra, quinta in classifica; poi incontreremo il Grifone, la super favorita insieme alla Sporting; infine andremo a Montespaccato, una squadra che in casa fa molto bene. Dopo queste tre sfide sapremo di che morte si muore: al momento abbiamo qualche defezione in rosa, ed in campionati così è un fattore che ti fa pagare lo scotto. Per noi è un impegno clamoroso anche partire ogni domenica all’alba per giocare a Roma, alla lunga si accusa”.

Mister Fortuni in allenamentoCome si fa a superare un ‘tour de force’ simile?
“Noi giochiamo in un solo modo, ovvero a calcio, indipendentemente da chi affrontiamo. Sicuramente non sottovaluteremo queste tre squadre, ed andremo a giocare a viso aperto; se poi saranno più bravi gli altri, lo riconosceremo. Non c’è una ricetta particolare, non bisogna snaturare la propria indole: è un fatto di serenità e tranquillità, perché dobbiamo fare un buon campionato, salvandoci e tirando fuori qualche buon giocatore. Oggi ne abbiamo uno convocato in Rappresentativa (Giacomo Scatena, ndr) ed altri tenuti sotto osservazione dal Perugia. Dobbiamo essere sportivi e mantenere un ambiente favorevole a far crescere i ragazzi nel miglior modo possibile, sia dal punto di vista tecnico che da quello umano”.

Non ci pensavate ad inizio stagione, ma ora siete terzi, in alto in classifica: i vostri obiettivi cambieranno?
“Sono passate solo 7 giornate, però abbiamo vinto tanto: è evidente che non è un caso. Ci confrontiamo con realtà diverse dalle nostre, ben più famose: quest’anno abbiamo due gruppi Regionali e per noi è un evento. Abbiamo incontrato e superato squadre con mire importanti, come Palocco e Vis Aurelia, perciò passate le prossime tre partite, se saremo ancora lassù, allora sposteremo l’obiettivo”.