Notizie
Categorie: Giovanili - Giovanissimi

Finisce in parità il match tra Testaccio '68 e Real Tuscolano

I ragazzi di Marzullo non vanno oltre il 2-2 contro la formazione allenata da mister Sambroni, dopo una gara combattuta ed equilibrata, onorata nel migliore dei modi da entrambe le formazioni



Gianluca Fedele foto ©Mirna De CesarisREAL TUSCOLANO-TESTACCIO ’68 2-2

MARCATORI 26’pt (rig) Petrocchi (R), 27’pt De Luca (T), 24’st De Angelis (T), 30’st Barbaresi (R)

REAL TUSCOLANO Poli, Sirignano, Capponi (23’st Grosso), Rosadini, Fedele, Bourelly, Soru, Pepperosa, Petrocchi, Balistreri, Mancini (9’st Barbaresi) PANCHINA Renzi, Rossi, Pinchiurri, Polani, Grieco  ALLENATORE Marzullo

TESTACCIO ‘68 Ciapponi, Alfonsi D., Pettinari (1’st Piccoli), Cervera (20’st Mantelli), Fiozzi, Liberi, Islam (12’st De Angelis), Ferrari (20’st Alfonsi L.), Carloni E. (1’st Lalli), Carloni F. (1’st D’Alessandro), De Luca PANCHINA Monachesi ALLENATORE Sambroni

ARBITRO Bisegna.

Finisce con un pareggio casalingo contro il Testaccio il campionato dei Giovanissimi Provinciali del Real Tuscolano, che terminano al terzo posto (a pari punti con la Cavese ma in vantaggio negli scontri diretti) nel girone G dominato dal Valmontone. I ragazzi di Marzullo non vanno oltre il 2-2 contro il Testaccio, dopo una gara combattuta ed equilibrata, onorata nel migliore dei modi da entrambe le formazioni. In avvio è il Real che prova ad imporre il proprio ritmo al match: il tridente composto da Petrocchi, Balistreri e Mancini è ben assortito. Proprio il numero 11, preferito in avvio a Barbaresi, è bravo a farsi trovare nell’area avversaria, ma per due volte è in leggero ritardo rispetto all’assist dei compagni di reparto. Al 26’ il Real passa in vantaggio: Petrocchi ruba palla sulla trequarti e, appena entrato in area, è steso da un difensore del Testaccio. L’arbitro assegna il rigore, senza prendere provvedimenti nei confronti dell’autore del fallo, che lo stesso Petrocchi trasforma, siglando il suo ventunesimo gol in 23 partite di campionato. Nemmeno il tempo di ripartire, che il Testaccio pareggia con De Luca, che da 25 metri disegna una traiettoria imprendibile per Poli. Gli ospiti prendono coraggio e nel finale di tempo vanno vicini al vantaggio con Carloni, che è il più rapido di tutti a raccogliere una respinta di Poli e a concludere a botta sicura con la porta sguarnita; non fa però i conti con il recupero di Fedele, che salva sulla linea. Prima dell’intervallo c’è il tempo anche per una bella parata di Ciapponi, che si supera sul colpo di testa di Rosadini. Nel secondo tempo il copione non cambia, con le due formazioni che si affrontano a viso aperto e vanno entrambe vicine al gol: De Luca ci prova in due occasioni, e Poli è bravo a respingere. Dall’altra parte è Pepperosa, servito da Petrocchi, prima a non inquadrare la porta da posizione favorevolissima e poi a vedere respinta la sua conclusione dal limite da un Ciapponi in stato di grazia. Al 24’ sono gli ospiti a passare: Bourelly esce palla al piede dalla propria area, ma poi perde il controllo del pallone e dà il via all’azione del Testaccio, con De Angelis che beffa Poli in uscita e porta in vantaggio i suoi. Il Real non ci sta e alla mezz’ora trova il pareggio con Barbaresi, anche se la dinamica dell’azione e controversa e scatena polemiche: gli ospiti mettono la palla in fallo laterale per consentire alla panchina di soccorrere un giocatore infortunato; il Real restituisce il pallone ad un difensore, che lo controlla e lo appoggia indietro al portiere. Scelta non felice perché Ciapponi, infastidito dal pressing di Petrocchi, sbaglia il rilancio e serve Barbaresi, che di sinistro trova il pareggio del definitivo 2-2. Tra le polemiche, che proseguono fino al fischio finale.