Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Giovanili

"Focus Giovani" Lazio: spazio a Cardillo, Cervellera e Mariello con un occhio alla Supercoppa

In vetrina i tre under 21 che si giocheranno il prossimo 20 settembre scenderanno in campo per il primo trofeo stagionel contro il Kaos



Foto © Cantarelli/S.S. Lazio C5Si avvicina a grandi passi anche l’inizio della preparazione per Under 21 e Juniores, che torneranno a lavorare in vista della nuova stagione l’1 settembre gli Juniores e lunedì prossimo (25 agosto) gli Under 21, questi ultimi con di fronte l’imminente impegno della finale di Supercoppa che sabato 20 settembre li vedrà contrapposti al Kaos Futsal. Nel frattempo prosegue la rubrica a loro dedicata ed oggi l’obiettivo di #FocusGiovani si sposta da tre dei più giovani a tre dei più “anziani”, sempre se tali si possono considerare due ventenni ed un ventunenne. I tre in questione rispondono i nomi di Fabio Cardillo, Alessio Cervellera e Marco Mariello.


Fabio Cardillo. Nato ad Aprilia il 2 aprile 1994, ruolo universale di provenienza L'Acquedotto, carico a mille in vista dei prossimi impegni già sogna in grande, un atteggiamento che piace ed infonde entusiasmo: “E’ una gioia immensa poter vestire questa maglia e non vedo l'ora di scendere in campo per difendere quello scudetto cucito sul petto...”. Un novero di obiettivi importante, a cominciare dal più vicino in ordine di tempo: “Il primo sicuramente è conquistare la Supercoppa insieme ai nuovi compagni, per poi continuare al meglio verso il secondo scudetto, che sarebbe una gioia immensa. Un altro, oltre a quello di raggiungere la Nazionale che considero più un "sogno", è quello di potermi allenarmi e giocare con un idolo come Saul. Forza Lazio!”.


Alessio Cervellera. Nato a Roma il 31 agosto 1994, è il fratello maggiore di Giorgio Cervellera (classe ’97 in forza alla Juniores). Di ruolo laterale, ma adattabile  a diverse soluzioni in campo, lo scorso anno ha vestito la maglia de L’Acquedotto, in prestito dal Levante Roma. “Giocare per questi colori, per questa maglia e per questa società, per me, è motivo di grande orgoglio – dice -, non posso che non dare il massimo”. Tanta determinazione quindi, che si ritrova anche chiedendo cosa si aspetta da questa stagione in biancoceleste: “Voglio far vedere a tutti il mio valore, dare il meglio di me e… vincere qualcosa!”. Ma ovviamente non può essere tutto, per qualcuno che si cala in una realtà così importante pensare ad un bel futuro è d’obbligo: “Il sogno, ovviamente, è arrivare a giocare in Serie A…”.


Marco Mariello. Nato a Roma l’1 agosto 1993, proveniente anche lui dalle giovanili de L’Acquedotto, è il più “anziano” del gruppo, all’ultimo anno regolare di Under 21. Passato al calcio a 5 da quello ad 11 appena una stagione fa, dopo essere stato per anni centrale difensivo e libero vecchio stampo ha dovuto imparare a fari chiamare ultimo: “A volte ancora mi confondo…” dice con un sorriso, poi sul passaggio alla Lazio “È un piacere per me giocare in una squadra tanto blasonata, dove senza dubbio avrò modo di imparare ancora tante cose”. Umiltà e voglia di imparare che traspaiono anche nella risposta sugli obiettivi personali: “Il mio obbiettivo è di migliorare sempre di più, cercherò di dare il massimo ed essere disponibile ad ogni richiesta della squadra per farmi trovare sempre pronto quando ci sarà bisogno”.