Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

Fontanella salva il Budoni, pareggio con il Cynthia

Vantaggio dei sardi con Villa, nella ripresa il pari di Mortaroli e l'1-2 di Errico. In pieno recupero il 2-2 dei padroni di casa



29a Giornata
2 - 2

MARCATORI 11’pt Villa (B), 8’st Mortaroli (C), 17’st Errico (C), 50’st Fontanella (B).

BUDONI Manis; Meloni Nnamani (5’st Corsini) Moretto Nyamekeh; Caggiu Raimo Monticelli (41’st Cerfoglia) Salvini (1’st Zela); Villa Fontanella. PANCHINA Cossu, Ibba, De Rosa, Saiu, Corda, Santoro. ALLENATORE Cerbone. 

CYNTHIA Scarsella; Cacciotti Leccese Bagaglini Carta; Errico Bellini; Mortaroli (38’st Marchetti) Delgado Bendia (26’st Bianchi); Hasa (41’st Martena). PANCHINA Scarsella. ALLENATORE Rughetti.  

ARBITRO Luca Testi di Livorno.  

NOTE Rigore fallito al 38’st da Villa (B) Ammoniti Moretto, Leccese, Cacciotti, Mortaroli, Bianchi Rec. 1’pt; 5’st.

Rughetti, tecnico del CynthiaTurno infrasettimanale di Serie D. Nel giovedì prima di Pasqua, il Cynthia si reca in Sardegna per l’ultima volta in questa stagione. Dati positivi fin qui in terra isolana con due vittorie (Selargius e Arzachena), un pareggio (Nuoro) ed una sola sconfitta – contestata – ad Olbia. Rughetti non può contare sul classe ‘97 Senesi, fermato da un affaticamento muscolare e, per la prima volta, su Peressini, partito oggi per affrontare a Seattle la quarta categoria statunitense. Tra i pali c’è Scarfagna, davanti tornano invece insieme Hasa e Delgado. Il Budoni, sconfitto in questo campionato davanti al proprio pubblico solo dall’Unicusano Fondi, si schiera invece con un 4-4-2 con il temibile tandem offensivo formato da Villa e Fontanella, autori in due di più di trenta reti. Dopo un avvio equilibrato, all’11’ passano i padroni di casa. Scarfagna regala palla a Villa che, proprio dopo uno scambio col compagno di reparto, sigla il vantaggio trovando il sedicesimo centro stagionale. Delgado, al rientro dalla squalifica, avrebbe subito l’opportunità per il pari, ma il numero dieci si fa ipnotizzare a tu per tu con Manis. Al 27’ ancora pericoloso Villa, il suo tiro termina di poco alto rispetto allo specchio della porta. Nel finale della prima frazione, il Cynthia si porta in attacco con decisione alla ricerca del pari. Prima Delgado si vede annullare per fuorigioco il gol del pareggio poi, lo stesso attaccante castellano, si vede chiudere lo specchio da un ottimo intervento dell’estremo difensore locale. La prima frazione termina con i sardi in vantaggio. Nella ripresa, l’undici di Cerbone ci prova subito con una punizione di Fontanella di poco a lato ed un insidiosissimo tiro-cross del solito Villa ribattuto da Carta nei pressi della linea di porta. All’8’ pareggiano però gli ospiti: precisa sponda di testa di Delgado per Mortaroli che, di destro, insacca il pallone all’angolino confermandosi sempre presente in zona offensiva. Al 17’ la rimonta viene completata sugli sviluppi di un calcio d’angolo con capitan Errico che, in mischia, è il più lesto di tutti a spingere il pallone in rete. Il Budoni reagisce immediatamente sempre con Villa, Scarfagna però riscatta l’errore precedente con un grandissimo intervento mantenendo i suoi in vantaggio. L’ex portiere della Lazio è ancora più decisivo quando, su un rigore concesso per fallo su Monticelli, para il tentativo dal dischetto di nuovo di Villa. L’assalto finale dei padroni di casa porta tuttavia i suoi frutti. Direttamente da una punizione di Manis, il subentrato Corsini svetta più in alto di tutti e Fontanella trova da pochi passi il gol del 2-2. Neanche il tempo di battere dal centro, che il sig. Testi di Livorno sancisce la fine delle ostilità. Un pareggio arrivato in modo beffardo che sarebbe comunque stato ben accolto prima della gara. Un risultato che conferma un ottimo momento di forma da parte dei ragazzi di Rughetti, soprattutto in trasferta con i castellani sconfitti solo in due delle ultime dieci uscite esterne. In termini di classifica invece, se l’Astrea guadagna due punti sul Cynthia grazie al successo odierno, i genzanesi, per il momento, sono rassicurati dai dodici punti di vantaggio rispetto alla terzultima posizione, quattro in più degli otto necessari per non disputare il play-out.