Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Fonte Nuova, il momento no continua. Ladispoli masochista

La formazione di Oddi viene sconfitta dall'Acquapendente e si gioca tanto nei prossimi sei giorni. Trastevere, con un Roberti così puoi andare lontano...



Claudio Solimina foto © ladispolicalcio.itSolo sette giornate dalla fine del campionato, ma nel girone A continua a regnare un clamoroso equilibrio: sette squadre racchiuse in soli tre punti. Eppure i segnali arrivati da questa ventisettesima giornata non sono da sottovalutare: l’ascesa del Trastevere e il momento molto difficile del Fonte Nuova in particolare. Partiamo dalla formazione di Pirozzi, alla quarta vittoria consecutiva. Va premesso che la Sorianese affrontata domenica era fortemente rimaneggiata (sei under in campo e solo cinque giocatori in panchina, tutti in età di lega), ma la prestazione offerta dai romani è stata di livello: unico neo, non essere riuscita a chiudere prima l’incontro. A mettere la parola fine è stato, neanche a dirlo, il bomber Fabrizio Roberti, che ha trasformato in oro con una rovesciata un pallone svirgolato in area da Lazzarini. Bravissimo il dg Calce ad accaparrarsi il calciatore in estate, ma resta misterioso capire come un giocatore del genere (tra l’altro un classe 1993), giochi in Eccellenza e non in categorie più importanti. Continua, invece, il periodo grigio del Fonte Nuova, che ha momentaneamente perso la prima posizione. La squadra di Oddi ha raccolto solo dodici punti in nove partite nel girone di ritorno, segno di una involuzione evidente. L’infortunio di Mereu ha ulteriormente complicato le cose e i prossimi sei giorni saranno importantissimi. Mercoledì si rigioca, infatti, il big match con il Villanova (salito in vetta insieme al Trastevere) e un ulteriore passo falso costituirebbe un contraccolpo psicologico difficile da superare. A seguire il match con il CreCas, di certo non una gara agevole. Anche domenica scorsa con la Vigor Acquapendente Oddi ha tenuto in panchina sia Bertino che Silvestrini (con il primo subentrato a match in corso), affidandosi a un reparto avanzato estremamente giovane. Rinunciare ad uno come Bertino, che può dare velocità e imprevedibilità all’attacco, specialmente alla luce dell’assenza forzata di Mereu, ci sembra un azzardo. Hanno destato scalpore, infine, i due punti persi dal Ladispoli in casa del Real Monterosi: se contro il Fregene avevano pesato anche delle decisioni arbitrali sfavorevoli, ieri la formazione rossoblu deve prendersela solo con sé stessa. In primis per non aver messo al sicuro il risultato nel primo tempo, poi per la sciocca espulsione di Ippoliti per proteste. Un giocatore della sua esperienza non dovrebbe commettere una leggerezza del genere, che ha ridato coraggio agli avversari, fino a quel momento in balia dei rossoblu. Un passo falso che potrebbe pesare moltissimo al termine del campionato: in una stagione del genere, anche un solo punto potrebbe fare la differenza…