Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Regionali

Forte Colleferro, la vittoria sfugge allo scadere

La formazione lepina impatta sul campo dell Sporting La Rustica e perde la prima posizione, anche se la squadra di Forte deve recuperare due gare



Image titleGara difficile per i Leoni di Colleferro su un campo da molti considerato come il più ostico del Girone F e contro una formazione che in questa partita si gioca l’ultima possibilità di rimanere attaccata al treno degli aspiranti alla vittoria finale.


Primo tempo. Starting Five classico per la Forte. Nica in cabina di regia, Hamazawa e Forte a spingere sui lati e Navarra terminale offensivo. In porta, come sempre, Jacopo Tantari. Partenza nervosa per entrambe le formazioni, con i giocatori in campo che “sentono” particolarmente la gara. Da una parte i padroni di casa che mettono in campo grinta, entrate decise al limite del regolamento, aggressività agonistica. Dall’altra i ragazzi di Paolo Forte che giocano semplicemente a Futsal, illuminati dalle perle di un Luis Alberto Nica che cresce di partita in partita e di un Hamazawa imprendibile. Gara che si sblocca solo al 27’, quando “bomberino” Navarra sbuca come un falco in mezzo alla difesa avversaria e mette la palla in rete su un taglio perfetto ispirato da Stefano Forte. Squadre quindi che vanno al riposo con gli ospiti in vantaggio e con la Forte che, caricata di 5 falli, evita di subire nel finale il tiro dai dieci metri.


Secondo tempo. La rete sblocca la gara e ne esce fuori una ripresa bella e avvincente. Pareggia subito lo Sporting con Santoni dopo appena 3’ minuti di gioco. La Forte continua a macinare gioco, alternando i ragazzi della panchina, facendo la partita e mantenendo alto il ritmo. Lo Sporting risponde cercando nelle ripartenze l’arma per bucare la difesa lepina, mettendo in campo tutta l’aggressività agonistica che una direzione di gara, in molti frangenti discutibile, permette ai protagonisti in campo.A metà della ripresa è Luis Nica che porta in vantaggio la Forte. Il Campione albiceleste conquista palla a metà campo e batte con colpo da biliardo il portiere in uscita disperata.Sotto di una rete, lo Sporting gioca la carta del portiere di movimento ed è proprio su una palla riconquistata da Mario Graziani che i Lepini si trovano sui piedi la palla del KO. Ma la sfera lambisce beffarda il palo di sinistra a campo completamente libero e finisce fuori, tra la disperazione dell’ottimo “Ciccio”, autore comunque di un’ottima prestazione.Per la cronaca, lo Sporting reclama nei minuti finali un fallo da rigore, ma l’arbitro non ne ravvisa gli estremi e il gioco prosegue tra le proteste veementi dei padroni di casa, dentro e fuori dal recinto di gioco.Gol mancato, gol subito. Le lancette iniziano il giro finale e nell’ultimo disperato attacco, lo Sporting rimette in parità l’incontro. Autore della rete è Salvatore Strazza che finisce la gara sommerso dagli abbracci dei compagni, dopo aver battuto l’incolpevole Jacopino Tantari.


Il commento. La Forte torna a Colleferro con un punto nel paniere, dopo aver accarezzato a lungo la possibilità di fare bottino pieno. Ma è un punto che vale oro, sia per l’oggettiva difficoltà del match, sia perché permetterebbe ai lepini, in caso di una non improbabile vittoria nel recupero di martedì sera al Palaromboli con il Casal Torraccia, di tornare soli in testa alla classifica, con una gara in meno rispetto alle inseguitrici. Luis Nica è sempre più il faro della squadra. Anche oggi l’argentino ha sfoderato una prestazione maiuscola, coronata dal suo gol numero 21 e terminando stremato l’incontro. Gli fa il paio l’altro straniero, Ryohei Hamazawa. Oggi il Samurai ha stretto i denti, sopportando il gioco duro degli avversari che lo hanno fatto oggetto di una marcatura asfissiante che però non gli ha impedito di risultare ancora una volta tra i migliori in campo, insieme ad uno Jacopo Tantari, autore di alcuni interventi straordinari e sempre più avviato sulla strada della maturità sportiva. La Forte regge la botta delle due trasferte più difficili della stagione, mantenendo virtualmente la testa della classifica e con il Jolly di una ulteriore gara in più da disputare rispetto alle dirette inseguitrici che Sabato prossimo si scontreranno nel big match della ventiduesima giornata. Mancano quindi dieci gare per la Forte da oggi al termine del torneo. Un appassionante conto alla rovescia con almeno quattro formazioni che ancora possono, sulla carta, aspirare a fare lo sgambetto a Stefano Forte e compagni.