Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Regionali

Forte Colleferro, le chiavi della porte affidate a Piacentini e Tantari

Una coppia di estremi difensori giovanissimi difenderà la rete del team di mister Paolo Forte



Paolo Forte punta sui giovani e consegna le chiavi della porta a Mattia Piacentini e Jacopo Tantari. Quaranta anni in due, i due giocatori, titolari nella scorsa stagione nell’Under 21 e nella Juniores del Prato Rinaldo, ma provenienti dal vivaio del tecnico colleferrino, hanno siglato le carte federali e sono a tutti gli effetti gli estremi difensori della compagine biancazzurra nell’avventura in Serie D che va ad iniziare.

“Ho conosciuto personalmente i due ragazzi durante la scorsa stagione – dice Marco Giustinelli che, insieme a Stefano Forte sta curando le pratiche di tesseramento – e non posso essere che felice di avere a bordo due calciatori che fanno dell’affidabilità dentro e fuori del terreno di gioco, la loro caratteristica principale. Con Mattia e Jacopo mettiamo in campo la coppia di portieri sicuramente più giovane del Campionato, ma già con una dose importante di esperienza sulle spalle. Soprattutto sono due ragazzi che testimoniano il gran lavoro che Paolo ha portato avanti con i giovani in tanti anni di appassionata attività in questo sport. Credo che il Mister stia ricevendo in questi giorni una delle più grosse soddisfazioni della sua carriera sportiva. Vedere tutti questi giovanissimi atleti che stanno facendo a gara per sottoscrivere il tesseramento alla Forte Colleferro e lavorare con lui, credo che sia l’ennesima dimostrazione dell’efficacia di un modo di intendere il Futsal come coinvolgimento delle risorse sportive del territorio. Poi, non dimentichiamo che i due calciatori sono cresciuti all’ombra di quello straordinario portiere che risponde al nome di Angelo Rossi e al quale colgo l’occasione per mandare il mio personale “in bocca al lupo” per la prossima stagione.Di Jacopo in particolare non posso non ricordare la straordinaria prestazione di Policoro quando, nella Final Eight di Coppa Italia di Serie B, riuscì a neutralizzare due dei primi tre penalties calciati dall’Arzignano nella lotteria dei calci di rigore. Purtroppo non fu sufficiente per andare avanti, ma anche li l’intuizione di Paolo, che sostituì il portiere proprio ai calci di rigore, esaltò la freddezza e la spavalderia del nostro portiere.Si sta formando – conclude il Prof – una squadra dalle grandissime potenzialità e dalle immense prospettive. Il Campionato di Serie D non è semplice come molti sono portati a pensare e da molti anni vede la presenza in campo di giocatori esperti con tanta esperienza e altrettanta concretezza. Sarà un banco di prova soprattutto a livello caratteriale, con campi difficili, spesso all’aperto e con condizioni ambientali in alcuni casi non tranquillissime e con Direttori di gioco alle prime armi. Ma, sicuramente, rappresenta una eccezionale palestra dove forgiare il carattere e l’agonismo dei nostri ragazzi e dove il Mister potrà esaltare le sue doti di grande motivatore e di profondo conoscitore di questo sport.”