Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Giovanili

Forte Colleferro: Stefano Forte è il nuovo responsabile del settore giovanile

Nominato l'ex tecnico della Juniores di Artena e Prato Rinaldo: "Credo in un Progetto basato sull'educazione e sul rispetto!"



A destra Stefano ForteStefano Forte, classe 1993, è il nuovo Responsabile Tecnico del Settore Giovanile della Forte Colleferro, in quello che si può definire l’”Anno Zero” della Società lepina.

Giovanissimo, ma con alle spalle una esperienza di due anni sulla panchina della formazione Juniores dell’Artena prima, e del Prato Rinaldo poi, con le quali ha raggiunto ottimi piazzamenti in campionato e ha lanciato molti giovani che oggi militano nelle serie superiori.

Umiltà, spirito di sacrificio, grande fair play e un’ ottima preparazione tecnico tattica, che sta perfezionando negli studi universitari, Stefano rappresenta il profilo ideale del tecnico moderno e preparato che il Progetto “Io vado Forte!” prevede sulla panchina delle formazioni giovanili biancoazzurre.


Stefano, quale impostazione vorrai dare alla gestione del Settore Giovanile?

Abbiamo pensato ad un Settore Giovanile che ricalchi, nella sua strutturazione, quello delle grandi Società europee. Il sogno è’ quello di creare un “cantera” modello Barcellona, dover i giovani possano crescere in ottica Prima Squadra, seguiti da Allenatori di primissimo livello fin dalle categorie che vedono la presenza dei più piccolini. Per quanto riguarda l’impostazione prettamente tecnica, verrà condivisa con Paolo Forte che, dall’alto della sua esperienza, non sarà avaro di suggerimenti e indicazioni.


Sei un tecnico giovanissimo, ma già con molta esperienza di gestione di squadre giovanili. 
Senti la responsabilità di un incarico così prestigioso?

Ho accettato con entusiasmo questo incarico, consapevole dell’importanza e anche delle difficoltà che esso comporta. Cercherò di non deludere le aspettative che la Società ha riposto in me.Sono cosciente che Scuola Calcio e Settore Giovanile rappresentano il fulcro di questo nuovo Progetto e sarà mia cura mettermi immediatamente a disposizione dei tecnici, ascoltarli e condividere con loro idee e impostazioni. Credo nel lavoro di equipe e sono sicuro di avere al mio fianco tecnici preparati e appassionati che hanno sposato in pieno il nostro Progetto e le nostre idee.


Come vedi inserito il settore Giovanile all'interno del nuovo Progetto "Io vado Forte"?

Abbiamo la fortuna di avere con noi due tecnici di ottimo livello, come Rossella Corsaro e Marco Canali. A loro sarà affidata la Scuola Calcio, con il mandato di cominciare sin da subito a formare tecnicamente i più piccoli a questa disciplina. Per quanto riguarda gli atleti più grandi, tutte le squadre dovranno avere le stesse impostazioni tattiche, in modo da facilitare l’accesso dei giovani in Prima Squadra. L’obiettivo è quello di consentire l’inserimento immediato dei ragazzi nelle categorie superiori fino, quando possibile, al debutto nella formazione che quest’anno militerà in Serie D. Questa è l’impostazione del Progetto che, in sostanza, non è che la prosecuzione, meglio organizzata e strutturata, di quello che stiamo realizzando con successo da anni.


Si sta formando quella che sarà la prima squadra della Forte Colleferro. Che pensi del gruppo che ripartirà dalla Serie D agli ordini di Paolo Forte?

L’ossatura della formazione che giocherà in Serie D è formata da un gruppo di ragazzi bravi tecnicamente e molto motivati, che punterà sin dal primo anno al salto di categoria, sotto la guida di quello che ritengo sia uno dei migliori tecnici a livello nazionale. Ma oltre ad esprimere un ottimo Futsal, questa squadra dovrà essere un esempio e un punto di riferimento per tutti i ragazzi che varcheranno la soglia del Palaromboli, testimoniando, sul campo e fuori, i valori dell’educazione e del rispetto.


Nei giorni scorsi il Responsabile della Comunicazione, Marco Giustinelli, ha presentato ai giocatori il Progetto "io vado Forte". Che impressione hai avuto?

Il Progetto è sicuramente innovativo e coinvolge tutti, tifosi, giocatori, dirigenti e tecnici. Sono sicuro che questo sia il migliore approccio per stimolare tutti a dare il meglio di se stessi e trasformare così una bella idea in un progetto vincente.


Insieme ad altri giocatori importanti come Alessio Sinibaldi, Lorenzo Tetti, Jacopo Tantari, solo per citarne alcuni, hai scelto di far parte di questo progetto che riparte dalla Serie D, nonostante molti di voi abbiano ricevuto proposte concrete da squadre presenti nelle serie superiori. Perchè questa scelta?

Mi sento, prima di tutto, di ringraziare i miei compagni che hanno accettato con entusiasmo di far parte di questo Progetto e di questo gruppo. Devo dire che le proposte non sono mancate, ne’ a me, ne’ ad altri componenti della rosa, ma è altrettanto vero che nessuna delle società che ci ha contattato è stata in grado di proporre un Progetto altrettanto stimolante. Certo, partiamo dalla Serie D, ma la voglia è quella di puntare subito in alto.E uno degli elementi che ha dato credibilità al Progetto è stato sicuramente la composizione dello staff, formato da professionisti di primissimo livello. Oltre al Mister, che ho già citato, la presenza di persone come Alessandro Ercoli, storico massaggiatore sempre presente, Marco Giustinelli, Enrico Segantini, Sergio Tantari e Renato Costantini, è la garanzia che questo è un progetto, come dicevo, è serio e  destinato ad essere sicuramente vincente. Se poi si confermerà la presenza di Alberto D’Ovidio come preparatore atletico, sarà la piacevolissima ciliegina sulla torta che ci permetterà un ulteriore salto di qualità.


Credi che il nuovo ciclo della Forte Colleferro sia immediatamente in grado di avere squadre competitive?

Non sarà certamente facile, ma è nostro dovere provarci sin da subito, anche grazie alla presenza di validissimi giocatori dei quali conosciamo bene caratteristiche e potenzialità.