Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Fortitudo, contro il Savio il cuore non basta: decide Carbone al 93'

Tre punti importanti per l'undici di Bolic, che trova il successo al Gioventù Italiana trenta secondi dopo il recupero assegnato. Per i ragazzi di Toto un ko amaro



FORTITUDO ROMA – SAVIO             1-2 

MARCATORI Di Domenicantonio 27' pt (S), 29' pt D'Agostino (F), 48' st Carbone (S) 

FORTITUDO ROMA Fara 5.5 (38' pt Trunfio 6.5), Piccolino 6.5, Grifoni 6, Conti 6, Iwan 6, Modestini 6, Berbeglia 6, D'Agostino 6.5 (41' st Izzi sv), Gongemi 6 (21' st Grifoni 6), Nardone 7, Verrino 6 PANCHINA Forestali, Coppotelli, Camponeschi, Petruccetti ALLENATORE Toto 

SAVIO Pirinu 6, Valente 6 (5' st Barbato 6), Carbone 7, Almeida 6 (17' st Tocci 6), Tomei 6, Laurenzi 6 (24' st Falconieri 6.5), Vecchiotti 6.5 (43' st Sabbatini sv), Ricci 6, Abruzzetti 6, Di Domenicantonio 7, Grossi 6.5 (32' st Pellegrini 6) PANCHINA Armenia, Miani, Calandriello ALLENATORE Bolic 

ARBITRO Truini di Latina, 5.5 

NOTE Allontanato Toto (F) al 27' st per proteste Ammoniti Di Domenicantonio, Ricci, Pellegrini Angoli 0-2 Fuorigioco 3-7 Rec. 2' pt, 3' st

Savio, vittoria in extremis © photosportiva.itNon basta il cuore alla Fortitudo Roma nel difficile match casalingo contro il Savio, una delle principali candidate alle finali regionali. Una vera e propria beffa per i padroni di casa, che subiscono il gol di Carbone trenta secondi dopo i tre minuti di recupero assegnati dal direttore di gara. Un successo voluto comunque cercato e meritato quello della formazione di Bolic, che nella ripresa aveva messo alle corde l'undici di San Giovanni. Certo, però, che l'amarezza di capitan Piccolino e compagni resta comprensibile.

La gara stenta a decollare e nei primi sedici minuti non accade praticamente nulla. La prima occasione la creano i padroni di casa, Piccolino soffia il pallone a Coppotelli e lancia D'Agostino, ma Pirinu è super nell'uscita bassa. L'approccio dei locali è quello giusto e al 21' è Nardone a provare dai venti metri, ma la sfera termina a lato. Il Savio, però, mostra grande cinismo e alla prima occasione creata passa in vantaggio. Grande verticalizzazione di Ricci per Di Domenicantonio che lascia partire un potente diagonale che sorprende Fara sul primo palo. La reazione della Fortitudo non si fa attendere. Passano solamente due minuti e arriva il pareggio. Berbeglia ci prova dal limite, Pirinu non trattiene la palla sulla quale si avventano Verrino e D'Agostino, con il numero otto che sembra toccare per ultimo. La prima frazione si chiude con un tentativo velleitario di Di Domenicantonio su punizione, ma senza buona mira.

Nella ripresa il match sale di ritmo, complice anche la voglia di vittoria dei ragazzi di Bolic, che sin dai primi minuti cercano il gol del nuovo vantaggio. La prima chance al quarto d'ora, quando sugli sviluppi di un calcio di punizione, il neoentrato Barbato ci prova di testa ma sfiora il palo. Nonostante la costante superiorità territoriale il Savio non riesce a pungere, così le occasioni le crea la Fortitudo. Al 16' bellissima iniziativa di Piccolino, che salta due avversari, ma non trova l'impatto giusto con il pallone al momento del tiro. Ancora la formazione d Toto pericolosa al 22': corner dalla sinistra di Verrino, stacca più in alto di tutti Iwan, ma anche in questo caso niente da fare. Poi i biancoblu prendono in mano il gioco definitivamente, ma la Fortitudo riesce a resistere fino al forcing finale. Al 44' Di Domenicantonio coglie una clamorosa traversa dalla tre quarti, ma l'appuntamento con il gol è solo rimandatao. Il 48' è passato quando parte il suo cross, Carbone di testa segna una rete tanto bella quanto pesante.