Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Femminile

Francesca Pastore punta il PMB Futsal: "Stiamo lavorando bene"

L'allenatrice in seconda de L'Acquedotto si prepara alla sfida di domenica: "Gara ostica, difficile da sbloccare"



Francesca Pastore (Foto © L'Acquedotto C5/Cantarelli)Dal campo giocato alla panchina. Francesca Pastore, leggenda del futsal italiano femminile, un vero pioniere di questo sport, ha da quest'anno abbandonato il calcio a 5 giocato per dedicarsi alla panchina. Insieme ad Alessandro Pomposelli, infatti, è salita alla guida de L'Acquedotto, sua ultima società da giocatrice. Quella che universalmente è conosciuta come “Ciosca”, si sta dedicando anima e corpo ad una nuova attività che, come lei dice, la vede “al di qua del campo. Prima giocavo, ora alleno e non mi dispiace affatto”. Il primo incarico non poteva non essere al fianco di mister Pomposelli, colui con il quale ha diviso gran parte della sua carriera.


Attenzione massimale. Il lavoro, cominciato ad agosto, inizia a dare i suoi frutti. Domenica scorsa la vittoria sul Falconara è stato un primo segnale in questa direzione: “La squadra sta bene, stiamo lavorando tanto da più di un mese e continueremo a farlo. Stiamo crescendo giorno dopo giorno: ci vorrà del tempo per vederla alla sua massima espressione, ma è normale che sia così. Con Pomposelli è cambiato un po' tutto: dall'impostazione di un nuovo e diverso modo di giocare e stare in campo, alla concentrazione e ai ritmi di gioco. Il tipo di calcio a 5 che vuole il mister richiede un grado massimale di attenzione e le ragazze stanno recependo bene queste indicazioni. Ci sono ovvi momenti di stanchezza mentale, ma è solo questione di tempo per trovare continuità. L'importante era superare bene questo primo periodo e ora, un po' alla volta, troveremo la dimensione reale della nostra squadra. È importante partire bene, anche in questo momento in cui non siamo al massimo della condizione, per poi avere una buona classifica nel momento decisivo della stagione. Giochiamo domenica dopo domenica per arrivare a regime”. 


Il lavoro paga. Lo staff è comunque soddisfatto del lavoro svolto sinora: “L'importante è che tutte si impegnino e dimostrino voglia di seguire il mister nelle sue direttive. Le ragazze mi sembrano tutte allineate sulla nostra direzione e già a distanza di un mese abbiamo notato quanto la squadra sia cresciuta. Possiamo farlo ancora molto, ma ci vuole del tempo. Conosco il mister ormai da tanti anni e statene certi: nel girone di ritorno vedrete un Acquedotto molto più forte rispetto a quello del girone d'andata. Certo, questo non deve essere un alibi, ma una promessa sì”.


Il PMB. Domenica, al PalaGems di via del Baiardo 25/28 ci sarà la sfida al PMB Futsal: “Sarà una gara ostica. Le abbiamo affrontate in amichevole e credo sarà una gara difficile da sbloccare. Quella di Casini è una squadra che si chiude bene e sfrutta le ripartenze. Dovremo essere concentrate e attente in ogni frangente, perché di fronte ci sarà una formazione pronta a sfruttare ogni nostro errore. Le ragazze devono imparare a gestire le situazioni, avere pazienza e non forzare la giocata. Abbiamo l'obbligo di continuare a vincere per presentarci al meglio agli scontri diretti”.


La panchina. Come accennato in precedenza, per Pastore è la prima esperienza su una panchina: “Un conto è allenare, un altro è essere dall'altra parte. Mi dà soddisfazione, mi piace lavorare con lo staff e in una società nella quale c'è organizzazione e serietà. È bello, inoltre, vedere le ragazze - con alcune di loro ho anche condiviso il campo e lo spogliatoio -, che riconoscono il mio ruolo: questo mi fa piacere, perché evidentemente ritengono che posso dar loro qualcosa anche sotto questa nuova veste”. 


La partita. Appuntamento quindi alle 14:30 di domenica, quando al PalaGems L'Acquedotto sarà ospite del PMB Futsal. La gara, inizialmente prevista alle ore 15:00, è stata anticipata di mezzora per permettere lo slittamento di Lazio-Latina dalle 18 alle 17:30 per esigenze legate alla diretta su Raisport.