Notizie

Frosinone-Savio-Tor di Quinto: in tre in corsa per una posizione

Le tre squadre si stanno dando battaglia per aggiudicarsi l'ultimo posto valido per la post-season



Tre. Questo il numero dei posti a disposizione delle quattordici squadre di ogni Girone per sperare nel sogno chiamato Titolo Regionale. Da regolamento sono le prime tre classificate in campionato ad andarsi a giocare i play-off per diventare Campioni, eppure nel Girone B dei Giovanissimi Fascia B Elite, classe 2001, le cose sono leggermente diverse, dal momento che sostanzialmente di posto accessibile per le Fasi Finali ne è rimasto soltanto uno. Sì perchè la Roma di D’Andrea è già matematicamente prima da due giornate, avendo centrato l’obiettivo prefissatosi ad inizio stagione con addirittura sei turni di anticipo, e la Lodigiani di Santucci è saldamente al secondo posto, a ben sei lunghezze di distacco dalla terza posizione. Ecco, il terzo posto, l’ultimo disponibile per agguantare un sogno, per dare un senso ancor più grande ad una fantastica stagione. Questa tanto desiderata terza piazza se la stanno giocando tre compagini, che nelle ultime giornate stanno dando vita ad una lotta appassionante, fatta di sorpassi e controsorpassi, occasioni perse e colte, come in un Gran Premio di Formula Uno o Moto GP: stiamo parlando di Frosinone, Savio e Tor di Quinto, tre squadre racchiuse in un fazzoletto, con i ciociari a quota 42 punti, gli azzurri a 41 ed i ragazzi di via del Baiardo a 40.

Maurizio PennaFrosinone. I ragazzi di Penna sono riusciti settimana scorsa a riprendersi la terza posizione, conquistando ben due posizioni in virtù del successo di misura sull’Aprilia, sfruttando le frenate delle due antagoniste. Ultimamente i canarini sono apparsi in difficoltà, imballati sulle gambe e poco concreti in entrambe le fasi, offensiva e difensiva: contro l’Aprilia sono tornati alla vittoria, dopo tre giornate in cui erano arrivate le sconfitte contro Anziolavinio e Roma ed il pareggio con la Polisportiva Carso. Adesso i ciociari dovranno esser bravi a consolidare e difendere quanto conquistato a fatica, ritrovando quello stratosferico rendimento in trasferta che aveva caratterizzato il girone d’andata, e facendo della fisicità la loro arma principale. Senza contare lo scontro diretto contro il Savio, ancora da disputare…

Emiliano PontesilliSavio. Due settimane fa era stata la banda di Pontesilli a centrare il gran salto in classifica, balzando in avanti di ben due posizioni. Poi nell’ultimo turno di campionato la pesante sconfitta casalinga nel big match con la Lodigiani ha frenato l’entusiasmo degli azzurri, scivolati nuovamente fuori dalla zona play-off. Ma tale caduta non ha di certo minato i sogni, le speranze e le certezze del team di via Norma, che rispetto alle due contendenti vanta il miglior attacco, con ben 53 gol realizzati. Nel corso della stagione i blues sono stati abbastanza costanti, sempre a ridosso dei primi tre piazzamenti in graduatoria, tuttavia il fattore che è mancato è stato quello mentale, la personalità: basti pensare infatti che Pontesilli&co. non sono mai usciti vincitori in alcuno degli scontri diretti con le dirette avversarie, aspetto che certamente pesa nella gerarchia del raggruppamento, e sul quale la squadra dovrà assolutamente migliorare.

Daniel SchiaviTor di Quinto. Venendo infine ai rossoblu, questi nel corso della stagione non sono mai riusciti a piazzarsi sul podio. Il fattore che ha inciso di più è stata l’incostanza, elemento che la formazione di via del Baiardo ha pagato non riuscendo ancora a fare il salto di qualità definitivo e che ha vanificato grandi risultati centrati sul campo. Infatti la squadra del presidente Testa è riuscita ad imporsi con carattere nelle partite che contavano, come per esempio la doppia vittoria nelle due sfide col Savio e le due ottime prestazioni contro la Roma prima della classe, inoltre il fatto che sorprende è che questa è quella delle tre squadre con la miglior difesa, avendo subito solo 17 reti. Alla luce di questi dati la compagine di Schiavi dovrà limitare al minimo gli errori, per non gettare al vento gli sforzi fatti finora e centrare l’obiettivo.