Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Futsal Isola, Marchetti si prepara alla sfida contro il Partenope

Dopo il pareggio nell'esordio, la formazione aeroportuale pronta alla delicata trasferta campana: "Servono assolutamente i tre punti"



Luca Marchetti, doppietta all'esordioUno-due. Marchetti gol. E il PalaFersini festeggia. Due reti e la solita, inesauribile, testardaggine. Ultimo a mollare, primo a crederci sempre. Luca Marchetti gol. Doppietta alla prima giornata. Mica male. Ha messo subito la freccia. Ora lancia subito la sfida: “Contro il Partenope è già decisiva, non possiamo sbagliare. Dobbiamo portare a casa i tre punti”. Ha sferzato la squadra. Non ha fatto che ripeterlo in allenamento, come fosse un Vangelo: “Dobbiamo tornare da Napoli con tre punti. Ci servono per il morale e la classifica. Fra due settimane al PalaFersini arriverà l’Atletico Belvedere. Si tratta di una gara quasi proibitiva. Non possiamo farci trovare con l’acqua alla gola. Il Partenope? Ottima squadra, che corre, pressa e gioca con il coltello in mezzo ai denti. Ma noi dovremo esserlo ancora più di loro”. 

Solita, pazza, Futsal Isola. Marchetti se la ride: “Abbiamo iniziato dove abbiamo lasciato. Questa squadra non si smentisce mai. Siamo un po’ pazzi ma abbiamo anche un cuore grande così. Chi viene al PalaFersini di certo non si annoia. Speriamo di aver fatto innamorare il nostro pubblico e non aver provocato nessun infarto. È stata una partita molto strana, da qualsiasi punto la si analizzi. Capisco il Policoro, prendere un gol all’ultimo secondo è una mazzata terribile. Ma è anche vero che con un pizzico di cinismo in più e la squadra al completo avremmo potuto vincerla quella partita. È andata così, ci prendiamo il pareggio e andiamo avanti”. 

Fiducia nel gruppo. Marchetti ci crede: “Avere la forza di rimontare due gol a una manciata di secondi dal termine significa che questa è una squadra vera che sa reagire alle difficoltà. Durante l’estate c’era molto scetticismo. Ci chiedevamo un po’ tutti se fossimo da A2. Il match con il Policoro ci ha dato molto entusiasmo e fiducia nei nostri mezzi. Ma per tirare le somme aspettiamo il girone di andata. Dopo averle incontrate tutte avremo un’idea più chiara del campionato di questa squadra. I gol? Non è che stia al massimo. Ho una caviglia a pezzi. Ma durante la partita fai finta di non sentire il dolore e ti butti anima e corpo. Sono felice per la doppietta e per gli incitamenti dei tifosi. Ora però la cosa difficile sarà confermarsi. Siamo chiamati tutti a farlo. E sul campo del Partenope non sarà per niente facile”.