Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Gaeta, l'analisi di mister Felice Melchionna dopo la trasferta di Artena

Parla il tecnico dopo il pari di domenica: "E’ un buon momento, nonostante i punti lasciati per strada in extremis siamo a ridosso delle prime, ma ci mancano i nostri tifosi"



Felice Melchionna (Foto © D'Angelo)“Mi ritengo molto soddisfatto della prestazione dei miei ragazzi ad Artena. Giocare su un campo molto difficile dove per giunta aveva lasciato le penne una formazione importante come il Cassino ed imporre il nostro gioco, la nostra forza di squadra è motivo di compiacimento. Ovviamente c’è rammarico poiché nonostante l’inferiorità numerica eravamo riusciti a passare in vantaggio e poi siamo stati sorpresi sull’unica palla-gol creata dagli avversari a due minuti dal termine. Questo però nulla toglie alla bella prova offerta dal Gaeta, meno continuativa rispetto a quella con l’Albalonga  della settimana precedente ma sempre molto efficace. Occorre anche dire che eravamo reduci da una settimana che ci ha visti impegnati in Coppa Italia. Se è vero che io in quell’occasione ho effettuato un certo turnover lo è altrettanto il fatto che si è trattato di una settimana diversa in quanto la gara infrasettimanale ti porta a modificare il lavoro, gli allenamenti. Comunque sono contento, veniamo da cinque risultati utili consecutivi, compresa la Coppa Italia, un bilancio di tre vittorie e due pareggi. Volendo analizzare la stagione dall’inizio, tolta la sconfitta di Minturno, maturata tra l’altro su un campo particolare, su cui non siamo abituati a giocare, il nostro cammino fin qui è stato davvero confortante, stiamo andando oltre ogni più rosea previsione. Non siamo certamente noi la corazzata del girone, ed essere dopo sette giornate di campionato ad un tiro di schioppo delle prime, significa che il nostro lavoro è stato più che positivo. Certamente dovremo sempre restare concentrati al massimo, in quanto ogni gara presenta le sue insidie e cercare di non commettere errori anche nelle partite che sulla carta sembrano meno difficili. Tornando alla gara con l’Artena devo dire che ci è mancato un po’ di cinismo. Ancora una volta abbiamo creato tanto senza finalizzare. Da questo punto di vista forse è un periodo sfortunato, tra legni colpiti e gol mancati. Fuori casa specialmente, è importante capitalizzare le occasioni che si creano. Però come già spiegato in precedenza i motivi per essere ottimisti non mancano. Ieri la squadra in dieci uomini ha tenuto bene il campo fino al termine della gara, indice questo anche di una condizione atletica ottimale. Al momento, l’unica nota dolente è il fatto di dover disputare le gare interne senza la presenza, la spinta  dei nostri tifosi. E questo ci dispiace. Mi auguro vivamente, ed al pari di me i giocatori e la dirigenza, che a questo si possa ovviare in qualche maniera, già a partire dalla gara di domenica prossima con il Pomezia. Non può esserci squadra senza tifosi, e per noi ciò purtroppo sta avvenendo già dalla scorsa stagione. Per quanto riguarda l’incontro con il Pomezia, sarebbe un errore sottovalutarlo perchè reduce da tre sconfitte consecutive, proprio perché maturate contro squadre come Serpentara, Cassino e Colleferro. E non dimentichiamo che ieri la squadra di Punzi contro il quotato Colleferro stava pareggiando fino ad un quarto d’ora dal termine. Dunque massimo rispetto.”