Notizie
Categorie: Giovanili - Giovanissimi

Gamba e polmoni: ecco i migliori terzini classe 2001

Damiano Cancellieri, Filippo Marchizza, Stefano Ventura e Nicholas Veronesi: qualità e quantità sulle corsie laterali



Nel gioco del calcio, spesso e volentieri, per fare male all'avversario è necessario sviluppare la manovra sfruttando al meglio le fasce. La bellezza e l'importanza del ruolo del terzino, ovvero il difensore esterno, stanno proprio nel fatto che tale giocatore ha il compito di ricoprire l'intero versante laterale del campo, svolgendo con attenzione sia la fase difensiva che quella offensiva. Servono buon passo, molto fiato, e piedi buoni: insomma, il terzino moderno deve essere un giocatore completo. E tra i Giovanissimi Elite classe 2001, qualche elemento che interpreta molto bene questo ruolo l'abbiamo trovato...

Cancellieri ©Simona Piccirilli

Damiano Cancellieri (Accademia Calcio Roma) Partiamo dall'esterno sinistro agli ordini di Celani. Forse il più completo dei quattro, può contare su un'ottima tecnica e su un buon fisico, ed in campo mette molta grinta. Colpisce anche la sua capacità di mantenere un alto livello d'intensità nell'arco di tutti e settanta i minuti di una sfida, come anche quella di saperne indirizzare l'andamento. I 4 gol in campionato, frutto di un piede notevole, ne sono una prova lampante.

Marchizza ©Del Gobbo

Filippo Marchizza (Nuova Tor Tre Teste) Siamo sempre nel Girone A, sempre sulla corsia laterale mancina, ma ci spostiamo da via di Settebagni a via Candiani. Il terzino a disposizione di Alfonsi è sicuramente il più elegante dei quattro, ed ha una facilità nello scegliere con esattezza i tempi di corsa e di sovrapposizione offensiva che raramente si riscontra sui campi. Sbaglia di rado la giocata ed il suo è un sinistro davvero pregevole. Dopo tutto, buon sangue non mente (il fratello maggiore Riccardo milita nella Primavera della Roma, ndr).

Ventura ©Lori

Stefano Ventura (Lodigiani) Cambiamo versante di competenza, spostandoci sulla destra, dove il tecnico Santucci può permettersi di schierare una vera garanzia. Quest'esterno basso è molto bravo a contrastare qualsiasi tipo di avversario che porti palla nella sua zona, intelligente e disciplinato tatticamente quando si tratta di operare una diagonale o un altro adattamento in campo. In fase offensiva è caparbio e deciso, prendendosi spesso la responsabilità di fare qualche giocata rischiosa, ma necessaria.

Veronesi insieme a Salvato (Ladispoli) con la coppa del Porcelli ©Facebook

Nicholas Veronesi (DLF Civitavecchia) Concludiamo la nostra panoramica ritornando sull'out sinistro, passando dalla capitale al litorale. Mister Onorati sulla fascia propone un giocatore dinamico, esplosivo fisicamente e con un gran senso dell'anticipo, aggiunto ad una buona capacità di sottrar palla all'avversario. Fluidificante vecchia maniera, all'occorrenza può giocare anche alto: la personalità non manca, dal momento che si prende la briga di calciare punizioni, andando anche a bersaglio con costanza, come testimoniano le 5 reti in stagione.