Notizie

Gianluca Fabiani: "Rieti, facciamo il punto sull'agonistica"

Il responsabile del settore giovanile amarantoceleste analizza il momento del club reatino



Gianluca Fabiani, RietiGestire un intero settore giovanile non è facile, specialmente se parliamo di una società importante come il Rieti. Gianluca Fabiani però ci sta riuscendo molto bene. L’ex giocatore amarantoceleste, nuovo responsabile dell’agonistica reatina da appena un mese e mezzo, ha già dimostrato grandi doti di gestione e professionalità. Ma come sta andando il settore giovanile del Rieti? Lo abbiamo chiesto proprio al direttore Gianluca Fabiani.

Direttore, partiamo dagli Allievi Elite di Marella. Il gruppo classe ’99 è partito molto bene in campionato, adesso sta incontrando qualche difficoltà, ma il bilanicio è positivo.
“Sì, questo è un gruppo sul quale punto molto. In panchina c’è un ottimo allenatore come Giuseppe Marella e disponiamo anche di buone individualità. Ultimamente stiamo incontrando qualche difficoltà di troppo, ma il gruppo è importante e lo dimostrano anche le convocazioni in Rappresentativa”.

Giovanni Tiengo Dove ha esordito Giovanni Tiengo, attaccante dal grande potenziale.
“Già. Lui è una classica prima punta, fa a sportellate, lavora per la squadra. Devo dire che a me piace tantissimo. La convocazione in Rappresentativa è il giusto premio per il grande impegno che mette in settimana”.

Passiamo agli Allievi Fascia B Elite di Neri, un gruppo dalle buone potenzialità, ma che sta faticando in campionato.
“La cosa in realtà mi stupisce molto. Ho assistito al match con la Viterbese, una signora squadra credimi, e i ragazzi mi hanno stupito. Credo che questo gruppo stia raccogliendo molto meno di quello che sta dimostrando sul campo. Poi, ovvio, contano i tre punti, ma a mio parere i 2000 possono fare molto, molto, bene. Staremo a vedere”.

Luzzi, attaccante del Rieti ©Del GobboArriviamo ai Giovanissimi Elite. Domenica è arrivata una grande vittoria contro la Totti Soccer, in molti sono rimasti sorpresi dalla super prestazione del giovane Luzzi.
“Luzzi è il classico giocatore che quando è giornata ti fa la differenza. Lui è molto simile a Tiengo come caratterstiche, prima punta, è molto altrusita: quando gioca è uno spettacolo da vedere. Luzzi e tutti i compagni, perchè questa è davvero una buona squadra. Nonostante le partenze di Onesti e Ortenzi, due giocatori molto importanti, ora in club professionisti (Ternana e Frosinone ndr), i ragazzi di Gerini stanno rispondendo bene, crescono giornata dopo giornata. Due ragazzi sono già stati convocati in Rappresentativa, Prioli e Polidoro, e penso che anche altri potrebbero farcela”.

Direttore, chiudiamo con i Giovanissimi Fascia B Elite. Campionato difficile, si punta alla salvezza.
“Sì, qui il discorso è leggermente diverso, nel senso che questi ragazzi vengono dalla scuola calcio. Il salto è doppio. Sabato non abbiamo giocato bene, la prestazione non mi è piaciuta. Devo dire, però, che ho visto buone cose con Roma e Romulea, due realtà molto importanti, e rimango fiducioso. Con il tempo, questi ragazzi cresceranno, e con l’aiuto di mister Inches faranno molto bene”.