Notizie
Categorie: Altri sport

Giornata da incorniciare per la Libertas Genzano

En plein in Via della Selva a Genzano. Sugli scudi le due Prime Squadre della Società cara al Presidente Federico



Scatti del matchLIBERTAS GENZANO – OTOVISION FERENTINO 3-0 (29-27; 25-22; 25-23)
LIBERTAS GENZANO Santoni 12, Cerasti 6, Pucci 4, Cola 7, Costa 18, Bernoni 9, Cianfanelli, Quaglia, Giallonardi, Grassi, Cimino A., Pennacino (1° libero), Romani (2° libero) ALLENATORE Melaranci  
ARBITRO Claudiu Sava 

En plein in Via della Selva a Genzano. Sugli scudi le due Prime Squadre della Società cara al Presidente Federico. Nel pomeriggio che ha visto anche l'affermazione della neonata formazione delle giovanissime dell'Under 13 Femminile in quel di Marino (bravissime le minivolliste !!), si sono avuti due secchi  3-0 che non lasciano adito a se o ma di sorta. Schiacciante la vittoria dei ragazzi di mister Iezzi nella Capitale nello scontro diretto con la Nfa Saet che sino alla vigilia del match condivideva con i biancazzurri dei Castelli il primo posto in classifica.La formazione degli ex Monti e Montesi nulla ha potuto contro la determinazione e la concentrazione dei genzanesi che si sono imposti nettamente con i parziali di 19-25, 17-25 e 21-25. Con tale affermazione Fattori e compagni hanno staccato momentaneamente la diretta concorrente romana e si sono portati da soli in vetta alla graduatoria del Girone B, con 2 punti di vantaggio sulla prima inseguitrice, lo Zagarolo. I complimenti sono scontati. E sabato arriva alla palestra Marchesi il Dream Team Roma, che la scorsa stagione vedeva tra le proprie fila proprio l'attuale tecnico del Genzano, Valerio Iezzi ed il Dirigente Massimo Sorace. Potrebbe essere l'occasione per i due per prendersi una bella soddisfazione e per la squadra di confermare la sua leadership.     Giornata di gloria anche per la rappresentativa della Serie D Femminile della Libertas. Le ragazze del coach Loredana Melaranci si sono affermate contro la capolista Ferentino con un 3-0 sofferto e meno netto di quanto può dimostrare il punteggio complessivo. Ma proprio per questo più apprezzato e gratificante. 29-27, 25-22 e 25-23 recita il tabellino finale del confronto a favore di capitan Pucci e socie. Numeri e bottino pieno che lanciano le biancazzurre a quota 18 punti, affiancando proprio le ex capoclassifica. Classifica stessa cortissima con tante formazioni collocate a stretto contato di gomito e campionato che dopo 9 giornate appare livellato e dall'esito incerto. Sino ad ora non c'è una compagine che sembra essere nettamente superiore al lotto delle altre per cui la lotta per le posizioni che contano appare incerta. Ne gode l'interesse per la competizione e tutte sembrano in grado di poter dire la loro nel prosieguo del torneo.Siamo stati spettatori (interessati) della gara delle ragazze e quindi siamo in grado di raccontare l'accaduto. Diciamo subito a scanso di equivoci che la partita è stata veramente bella, entusiasmante, con repentini cambiamenti di punteggio e tale da tenere con il fiato sospese ed il cuore in gola gli astanti. Prima di tessere le lodi delle vincitrici, è doveroso rendere onore alle sconfitte. Il Ferentino si è presentato sabato alla Marchesi con la credenziale di capoclassifica ed ha dimostrato in campo tutto il valore di cui godeva, sia di gruppo che in alcune individualità di spicco. Insomma una leadership tutta meritata. Da quello che si è visto sul rettangolo di gioco, insomma ne sentiremo parlare delle frusinati nel corso della stagione.Ciò premesso, acquista ancor valore l'affermazione delle biancazzurre di casa. Entrate in campo con cipiglio fiero, sempre all'arrembaggio, grinta e determinazione da vendere, le locali hanno gestito al meglio l'approccio e lo scorrere della partita, non demoralizzandosi quando le cose sembravano andar male e reagendo da compagine quadrata e consapevole dei propri mezzi, tirando fuori .... gli attributi al momento giusto, raggiungendo alfine l'obiettivo sperato. Grandi congratulazioni per loro al termine anche dallo Staff tecnico della formazione ciociara.