Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Giornata in prospettiva: 90 minuti per assestare gli equilibri

Scontri di preparazione a grandi match, incroci per valutare possibilità e nuove idee: i due gironi prendono sempre più forma



Allungare serie positive ed infrangerne altre. Cercare forma e sostanza in vista di un impegno molto alto. La gara che ha sempre quell'insidia nascosta perché sei distratto. Insomma, quando si mette in moto il campionato comincia a farsi sentire e la pressione, sia nel gruppo A che nel B comincia ad essere un po' più alta. Come una pentola messa sul fuoco, le prime bollicine si iniziano a far vedere e, maneggiare l'acqua bollente può essere pericoloso. 

Il test per uscire dal limbo Pericoloso come un campo di provincia, dove arrivi sulla scia di tre vittorie, ma di prestazioni non ancora completamente convincenti. E' il giorno, domani, per capire quanto e come la Tor Tre Teste ha davvero cambiato passo rispetto ad un inizio sottotono. E' il momento in cui se ti avvicini troppo alla pentola e non stai attento sai che puoi bruciarti. E' il momento in cui ci vuole cognizione pratica, non emotiva. E se cade dell'acqua bollente... Non solo tre punti in palio, dunque. Anche perché c'è un campo che interesserà in maniera particolare la formazione di Tocci: il Gioventù Italiana. Fortitudo e Pomezia si affrontano dopo due ottime prestazioni ed in pratica in 90 minuti si giocano il ruolo di più credibile new entry nell'alveo delle finaliste. La formazione romana ha la facilitazione di essere più avanti in classifica e di giocare sul terreno amico. E per una squadra che ha subito solo 6 gol fin qui ed è imbattuta si tratta di una possibilità non da poco. Il Pomezia è invece attaccato alla Tor Teste a quota 12 e lo scontro diretto è fissato per la prossima settimana. Un incrocio non da poco. Proverà a scappare la Pro Calcio Tor Sapienza, impegnata nel testacoda al Castelli contro il Gaeta e in attesa di possibili, seppur difficili, buone notizie da Cassino. Vigor Perconti di nuovo attesa in trasferta su un campo comunque tosto, sul quale le proprietà di palleggio della formazione di Persia potrebbero incontrare qualche difficoltà. Il Cassino è squadra solida ed organizzata, difficile comunque da perforare. Come la pentola di cui sopra: maneggiare con cura. 
Montaldi, protagonista dell'ultima vittoria della Tor Tre Teste ©Del Gobbo


Il momento di spingere, forte...
La sottovalutazione dell'avversario è sempre dannosa. Serve sempre e comunque la miglior prestazione possibile. Quantomeno per indirizzare la gara, poi il resto vien da sé. Le grandi del girone hanno impegni che, classifica alla mano e prestazioni mostrate ormai in memoria, non dovrebbero creare particolari grattacapi. Motivazioni: il Tor di Quinto ha dimostrato di saper incassare bene un ko nello scontro diretto, vincendo subito e di fronte avrà una formazione che sta facendo molta fatica, l'Atletico Acilia. Nel turno successivo affronterà il Villalba (che intanto domani giocherà al Certosa), che ha gli stessi punti dei biancorossi di Faina (2). Le due vittorie per la squadra di Vergari diventano un must, così come lo sono i 3 in palio in Boreale - Grifone Monteverde ed Accademia Calcio Roma - Tor Sapienza. Pesano perché nel prossimo turno ci sarà lo scontro diretto tra le formazioni di Radi e Papotto ed arrivarci al meglio, nel risultato e nella prestazione, è sempre una buona cosa. Rossoblu e biancazzurri si andranno comunque ad annullare con qualsiasi esito, ed il Tor di Quinto se vuole prendere (anzi ri-prendere) la leadership è chiamato al bottino pieno. Due volte.