Notizie

Giro di boa: Roma e Lazio sono campioni d'inverno

Lupacchiotti e aquilotti in fuga solitaria, i giallorossi a +12 sulla Lodigiani, i biancoazzurri a +5 sulle inseguitrici



Passata la sosta Natalizia, riprende il campionato dei Giovanissimi Fascia B Elite. Si è giocata la tredicesima giornata, l’ultima del girone d’andata, al termine della quale Lazio e Roma, prime classificate dei due gironi, si sono laureate Campioni d’Inverno.

Alla Vigor il "big match" con l'Urbe © photosportroma.itGirone A. La Nuova Tor Tre Teste, dopo due turni senza vittorie, aveva ritrovato il sorriso nell’anticipo giocato il 29 Dicembre, vinto 2-0 grazie ad una doppietta di Montesi contro il Ladispoli, squadra ostica che veniva da tre successi nelle ultime quattro uscite. Grazie a questi tre punti i rossoblu agganciano al secondo posto l’Urbetevere, che, dopo cinque vittorie di fila, invece, crolla 3-0 nel “big match” di giornata in casa della Vigor Perconti, dove la doppietta di Di Bari e Shoti siglano il secondo trionfo consecutivo dei blaugrana. Approfitta della resa dell’Urbe anche la capolista Lazio, che fugge da sola allungando a +5 dopo aver centrato la nona sinfonia in casa della Totti S.S., a cui non basta la rete di Fosci per evitare la seconda caduta di fila a fronte delle reti biancoazzurre di Cruciani e Mengoni, nell’1-2 finale. L’anno nuovo comincia benissimo per Massimina e Vigili Urbani, che continuano la loro risalita: i gialloblu calano la seconda gemma consecutiva grazie a Galluzzo, Sabatucci Tamburrello, i quali siglano il 2-3 in casa del Montefiascone, alla settima sconfitta di fila nonostante i guizzi dei soliti Lupi e Medori; per i biancorossi invece continua l’effetto miracoloso della cura Franco, effetto che si tramuta nella seconda gioia consecutiva e stagionale, un incredibile 0-1 in casa dell’Atletico 2000, che invece a due consecutive porta le sconfitte, dove l’eroe è Nicolai. Chiudono la giornata i due poker, 4-0, di Ostiamare e Romulea, che si erano affrontate settimana scorsa: i viola passeggiano sull’Aurelio F.A. con le reti di Zanin, Bello, doppietta, e Pulicati, portando a due e quattro consecutivi rispettivamente i propri successi e le cadute degli avversari; i granata al contrario riscattano il k.o. del turno precedente superando l’Unipomezia grazie alla doppietta del solito bomber Fazzello, e alle marcature di Amodeo e Pennacchio.

La Lodigiani prova la rincorsa alla RomaGirone B. Nel secondo gruppo aveva anticipato anche la Roma, trovando in data 23 Dicembre la sua tredicesima vittoria di fila: a Trigoria stavolta era toccato alla Polisportiva Carso inchinarsi, in un 3-0 in cui le reti di Ciottie Cangiano si erano sommate ad un autogol avversario, alla capolista, capace di chiudere il girone d’andata non solo imbattuta, ma sempre vittoriosa. Delude il partitone di giornata, nel quale Savio e Frosinone non si fanno male e pareggiano 0-0; ne approfitta la Lodigiani, che si riprende la seconda piazza solitaria imponendosi con un 2-0 all’inglese sul Certosa e condannandola alla quarta caduta consecutiva con le reti di Mercuri e Bonifazi. Approfittando del pareggio nel “match clou”, l’Aprilia sale al quarto posto, avvicinandosi nuovamente alla zona play-off: i pontini, con il 2-0 sull’Anziolavinio a firma Lo Fazio e Chirita, portano a tre di fila i loro trionfi e le sconfitte degli avversari, mentre subito dietro non molla la presa il Tor di Quinto, che schianta 9-0 a domicilio il Calcio Sezze, ultimo classificato alla quarta resa nelle ultime quattro gare, protagonisti Spizuoco e Belletti, doppietta per entrambi, insieme a Meluzio, Franco, Intini, Rapini e Marcello. Il San Cesareo, con il nuovo tecnico Torcolini, interrompe la scia di cadute pareggiando 1-1 col Cinecittà Bettini, che usufruisce di un’autorete dei rossoblu per pareggiare il gol di Carpentieri; infine il Futbolclub stravince 4-1 in casa contro il Tor Sapienza: Impallomeni, doppietta, Carmignani e Marcheggiani firmano la seconda gioia di fila degli orange, condannando i gialloverdi, di cui Agnese salva l’onore, alla quarta caduta consecutiva.