Notizie
Categorie: Giovanili - Giovanissimi

Gironi A e B, rette parallele che non si incontrano mai...

I due raggruppamenti della categoria riservata ai classe 2001 sono due mondi diametralmente opposti



Giunti a metà strada si tracciano i primi bilanci, si fanno le prime valutazioni sui verdetti forniti dal campo, nell’ottica di confermarsi, o migliorarsi, per la seconda parte della stagione. Guardando la classifica dei due raggruppamenti del campionato Giovanissimi Elite, categoria riservata ai classe 2001, non si può non notare il netto divario evidenziato dall’andamento delle ultime giornate. Da una parte, nel Girone A, abbiamo 5 compagini racchiuse in soli 5 punti, separate l’una dall’altra di una sola lunghezza; dall’altra, nel Girone B, il trio di testa sembra aver già preso il largo, alimentando soltanto il dubbio riguardo l’ordine in cui le big chiuderanno la stagione. Nuova Tor Tre Teste, Viterbese Castrense, Ostiamare, Savio ed Accademia Calcio Roma ci stanno facendo appassionare, restare col fiato sospeso in attesa del nuovo colpo di scena di turno; Lodigiani, Tor di Quinto e Vigor Perconti stanno invece palesando la loro forza, uccidendo il campionato già al giro di boa e lasciando alle inseguitrici l’unico sfizio di giocarsi la quarta piazza.

Lodigiani, campione d'inverno ©Paolo LoriGirone B Perché volgendo lo sguardo al secondo gruppo si ha l’impressione che solo le tre big possano perdere l’accesso alle Finali, rovinando quanto di buono fatto finora e concedendo alle inseguitrici un’occasione. Per quanto le varie Racing Club, Vigili Urbani, Polisportiva Carso o le altre formazioni che si aggirano a quota 20 possano impegnarsi, gli 11 punti di distacco tra la terza e la quarta posizione parlano chiaro, non lasciando spazio a sogni di gloria. Difficile infatti pensare ad una serie di sconfitte consecutive di una delle tre grandi, date la mentalità, la forza e la costanza che Lodigiani, TdQ e Perconti hanno messo in mostra finora. C’è però un aspetto di questo gruppo che va evidenziato: il Girone B, rispetto all’A, ha finora regalato molti più ‘sgambetti’ ai danni delle teste di serie. Basti pensare alle imposizioni di Pro Roma e San Donato Pontino con la Vigor Perconti ed a quelle di Città di Ciampino e Atletico 2000 contro il Tor di Quinto, fattori che hanno fatto perdere la vetta della classifica a blaugrana e rossoblu, a vantaggio della Lodigiani, che al contrario ha perso entrambi gli scontri diretti con le rivali, quasi che convenga farlo…

Tor Tre Teste, campione d'inverno ©Mirna De CesarisGirone A Tutta un’altra storia nel primo gruppo, dove definire i giochi ‘aperti’ sarebbe un eufemismo. Gironi sbagliati in partenza? Assolutamente no. A complicare i piani di Tor Tre Teste, Savio, Ostia ed Urbe (quest’ultima pericolosamente a distanza dalla zona play-off) ci hanno pensato niente di meno che due neo promosse. Stiamo parlando di Viterbese ed Accademia: incredibilmente positivo il cammino dei leoni gialloblu, partiti come una sorpresa e divenuti una piacevole certezza, ammirevole la mentalità e la concretezza della compagine di via di Settebagni, rilanciatasi con personalità per un posto nella post-season. Ad ogni nuova giornata corrisponde una sorpresa nei piani alti della graduatoria, un controsorpasso o uno scivolone, con queste cinque sorelle che stanno animando una delle stagioni più entusiasmanti degli ultimi anni, ferendosi o avvantaggiandosi reciprocamente e fallendo di rado le partite meno importanti. Alla fine la spunterà chi sbaglierà di meno, chi sarà più costante: noi siamo qua, pronti come sempre a raccontarvi quest’incredibile stagione…