Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Regionali

Goleada della Forte Colleferro sul San Vito

La formazione di Paolo Forte travolge senza difficoltà il team di Ronci: sette volte a segno Luis Nica



FORTE COLLEFERRO -SAN VITO 13-4

FORTE COLLEFERRO Tantari, Alteri, Fedele, Forte S., Vena , Mosti, Hamazawa, Ronzoni, Nica, Merlo, Parenti, Tetti; ALLENATORE Forte

SAN VITO Cianfriglia, Denni, Giustiniani, Panci, Mastropietro, Belluzzo, Fiore, Ceci, Sancamillo, Martini, Testa, Rossi ALLENATORE  Ronci


Image titleGara da vincere per Paolo Forte e i suoi ragazzi. La sfida è contro una squadra che, all’andata, aveva messo in difficoltà i Leoni con una bella rimonta nel finale. Ma è anche la sfida tra due dei “bomber” più prolifici del Girone F, Antonio Sancamillo e Stefano Forte, 68 reti in due e veri e propri spauracchi delle difese avversarie. E’ anche il giorno dei 33 anni di Luis Alberto Nica, sempre più uomo squadra della compagine di Colleferro e sempre più Top Player del campionato di Serie D. E se tutto ciò non bastasse, è anche la giornata che il dio del Futsal ha disegnato per la Forte Colleferro. Le due immediate inseguitrici dei lepini si scontrano tra loro e la terza osserva il turno di riposo. Ci sono dunque tutti gli ingredienti per rendere interessante una giornata che può determinare, in bene o in male, l’intera stagione dei colleferrini.    


Primo tempo. Forte deve fare a meno di due dei suoi uomini più in forma. Fabio “Bomberino” Navarra, fermato ai box dal Giudice Sportivo e Mario “Ciccio” Graziani, messo ko dall’influenza di stagione. Sono chiamati a sostituirli due dei giovani più promettenti a disposizione del Mister, Pierluigi Ronzoni e Manuel Vena. Starting Five quindi con capitan Forte, Samurai Hamazawa, Lorenzo Tetti, Jacopo Tantari e il “gaucho” Luis Alberto Nica. Partenza inaspettatamente in salita per la Forte. L’ottimo Fiore ruba palla a centrocampo, approfittando di una incertezza di Hamazawa che intercetta inavvertitamente uno scarico latrale, e si invola verso la porta dei padroni di casa, beffando Tantari in uscita.  1-0 San Vito al 3’ e palla al centro. La rete subita, invece di demoralizzare i Leoni, li carica ancora di più. Nica è scatenato e 40” dopo è pareggio. Ancora quattro minuti e la Forte passa in vantaggio. E’ Samurai Hamazawa che mette in rete la palla del 2-1. Ancora Forte, con Stefano, oggi autore di cinque assist vincenti che mette Nica in condizione di battere a rete a botta sicura. Al 12’ Nica Show! Il fuoriclasse argentino riceve palla sulla destra, salta un avversario, finta la botta con il portiere che si siede a terra e mette in rete con un delizioso pallonetto morbido! Non si sono ancora spenti gli applausi per la magia di Nica, che Stefano Forte da’ a Lorenzo Tetti la palla del 5 a 1. Ma è Nica che oggi ruba la scena. Il numero 10 di Paolo Forte tira fuori un altro numero del suo repertorio e un pallonetto teleguidato gonfia ancora la rete del San Vito per il parziale 6 – 1. C’è ancora tempo per una rete nella prima frazione. Giorgio Mosti riceve da capitan Forte e fa il settimo gol della partita per la Forte e la sua nona segnatura personale in campionato. 


Secondo tempo. Qualche minuto di studio, con ritmi non elevatissimi, e la Forte ricomincia il bombardamento. Stefano Forte, oggi straordinario rifinitore, mette in condizioni “Giappa” di realizzare la sua doppietta di giornata e poi, finalmente, va in goal anche lui. 9 – 1. Dal 10’ al 27’ ancora cinque reti dei padroni di casa: Mosti, Ronzoni e tre volte l’incontenibile Luis Alberto Nica ( una con la complicità dello sfortunato Mastropietro ) chiudono le segnature della Forte Colleferro. Ma il San Vito tira fuori l’orgoglio e il carattere e allo scadere, con Sancamillo e Panci, batte Alfredo Parenti per due volte nel giro di un minuto e fissa il risultato finale sul 14 a 3 per i padroni di casa. I Leoni fanno sentire il loro ruggito e sono sempre di più in testa alla classifica ad otto giornate dalla fine.   


Il commento. Gara frizzante e resa subito interessante dal vantaggio degli ospiti che con il gol di Fiore hanno dato la scossa alla Forte ed a un Nica incontenibile. L’Asso di Buenos Aires è stato l’autentico protagonista del match con sette reti ( due delle quali da manuale del Futsal ) ed una prestazione che ha trascinato l’intera squadra, reduce da tre partite in otto giorni. Per il resto poco altro da dire. Al Palaromboli la Forte non sembra temere nessuno ed esalta le doti dei suoi ragazzi e gli schemi del suo Allenatore. Cinquanta gol nelle ultime quattro partite interne la dicono tutta sulla potenza di fuoco della compagine biancazzurra tra le mura amiche. Ma la nota di rilievo è anche lo spirito di squadra che si cementa sempre di più con il passare del tempo. Ne è l’esempio Stefano Forte, cannoniere “anomalo” che oggi si è inventato assist man di eccezione, mettendo lo zampino su cinque delle quattordici reti segnate, oltre, naturalmente, al suo gol personale che porta a 31 le reti in stagione. Con un po’ di egoismo in più avrebbe probabilmente incrementato il suo bottino personale. Ma, probabilmente, il termine “egoismo” non fa parte del vocabolario di questo meraviglioso e giovanissimo gruppo di atleti e del loro straordinario allenatore.   


Dedicata a Sergio. Una dedica particolare di questa vittoria all’amico Sergio Tantari, punto di forza dello Staff della Forte Colleferro e convalescente dopo un delicato intervento chirurgico, fortunatamente perfettamente riuscito. Con l’augurio di Mister Paolo Forte di rivederlo prestissimo in campo a gioire con tutta la squadra.