Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Grifone - Tor di Quinto: chi è pronto a cambiare la storia?

Domani al Villa dei Massimi le squadre di Radi e Vergari scriveranno il XV capitolo di un racconto davvero avvincente



Ricominciare così è più bello. Calarsi immediatamente nella lotta ambiziosa e difficile per arrivare al titolo regionale è sicuramente il modo migliore per tornare a sentirsi calciatori, allenatori, tifosi. Difficile dopo un periodo di inattività, ma non serve chissà quale carica emotiva ed agonistica per provare subito a far bene. Riprendere i fili del discorso lasciato in sospeso dal 19 dicembre, cercare di scrivere una nuova pagina, migliore. Una storia che andrà a completarsi per metà, con altrettante pagine da scrivere a partire dal pomeriggio di domani. Una storia che i protagonisti hanno l'obbligo di volgere in proprio favore, tralasciando il passato e pensando esclusivamente al futuro. Una sfida tra due diverse filosofie, due modi diversi di vivere il calcio ed in particolare due interpretazioni diverse dell'argomento Juniores.

A sinistra Alessandro Radi (Grifone Monteverde) a destra Valentino Vergari (Tor di Quinto) foto Laura Del GobboUna storia sulla quale è impossibile provare anche solo ad ipotizzare come andrà a finire. Si riparte da quella differenza, minima ma sostanziale, che vede il Tor di Quinto qualche capoverso più avanti, frutto dell'esperienza. Il Grifone Monteverde ha già perfettamente delineato il suo ruolo e sta cercando di recuperare il terreno perduto, anche se quel ritardo non è esclusivamente imputabile a propri errori. Una storia di calcio dove si fronteggiano il nuovo ed il vecchio, la voglia di emergere e di stupire al cospetto dell'abitudine e della consapevolezza di essere grandi. Assenti e presenti sono elementi che fanno parte del discorso, ma non incideranno se non in minima parte sul destino, sul finale del capitolo. Perché di questo si tratta. Il quindicesimo capitolo di un racconto che sarà completo solo a metà da domani pomeriggio, ma sarà importantissimo riuscire ad imprimere anche solo una virgola in più dell'avversario. Perché nei duelli faccia a faccia l'importante è avere quel guizzo, quello slancio creativo in più che può aiutare l'autore della propria storia a renderla migliore di quella dell'avversario. Vedremo senza dubbio un confronto senza esclusione di colpi, calcisticamente parlando, un confronto in cui inizieremo a capire se davvero i ragazzi di Alessandro Radi potranno incidere il loro nome alla voce “protagonisti assoluti” o se saranno quelli di Valentino Vergari a ribadire che al loro cospetto c'è poco da fare. Una prima pagina di un 2016 ancora tutto da scoprire con un pallone ed un campo unici giudici di quanto verrà prodotto. Si riparte nella maniera più bella, Grifone e Tor di Quinto sono pronti a scrivere un altro pezzo di questa splendida storia.