Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

I biancorossi espugnano via della Pisana: ora la semifinale contro il Savio

Gli ospiti eliminano a sorpresa i gialloblu con un secco 1-3. Botta e risposta D'Orsi - Petrini, Barone e Tagliaboschi nella ripresa consegnano il pass al club della Borghesiana



MARCATORI D’Orsi 4’pt (L), Petrini rig 22’pt (U), Barone 20’st (L), Tagliaboschi 34’st (L)

URBETEVERE Grifoni 5, Tagliaferri 5.5 (39’st Loi sv), Cannoni 5.5 (28’st Giaguja 6), Befani 6, Tessadri 6, Alesse 6, Cannillo 5 (38’st Vetro sv), Anello 5.5 (18’st Falcetta 6), Severa 5.5 (10’st Bianchi 5.5), Giustini 5.5, Petrini 6.5 PANCHINA Vadalà, La Cesa ALLENATORE Barba

LODIGIANI Coppotelli 6.5, Tagliaboschi 7 (40’st Succi sv), Di Stefano 6, Grelloni 6, Losi 6.5, Rufini 6.5, Loreti 6 (14’ Romanelli 6), Mastrantonio 6.5 (20’st Falotico 6), Krasniqi 6 (41’st Fattorini sv), D’Orsi 7.5 (40’st Compagnone sv), Ciampi 6 (10’st Baroni 6) PANCHINA Reali ALLENATORE Grande

ARBITRO Cervelli di Roma 2, 5

NOTE Ammoniti Cannillo, Petrini, Tagliabosci, D’Orsi. Rec. 2’pt – 4’st.


In via della Pisana è successo quello che forse in pochi si aspettavano. Urbetevere contro Lodigiani, Pasquale Barba contro Angelo Grande. Un quarto di finale che sulla carta vedeva favorito il club di Alberto Rapone, ma nel calcio lo sappiamo, il pronostico conta poco e la dimostrazione è proprio nel risultato maturato al termine degli ottanta minuti: 3-1 in favore della Lodigiani e semifinale in cassaforte. Per l’Urbetevere il sogno finisce qui.

Grande © photosportroma.itPrimo tempo. Dopo il fischio iniziale del sig. Cervelli di Roma 2 il match comincia e gli ospiti iniziano la gara con maggior convinzione, tanto da sfiorare il vantaggio dopo neanche due minuti con Grelloni che da fuori fa partire un bel sinistro che per poco non centra il bersaglio grosso. Questo sarà soltanto il preludio del gol che arriverà al 4’ grazie a D’Orsi che direttamente su una punizione dai trenta metri (contestata dai locali) sorprende Grifoni sul primo palo insaccando la sfera sotto l’incrocio dei pali. Subire un gol nei primi minuti può essere deleterio, ma l’Urbetevere reagisce e al 22’ trova il pareggio: spunto personale di Severa che s’infila in area dalla sinistra, Loi lo trattiene leggermente per la maglia e il numero 9 va giù: il direttore di gara senza esitazione indica il dischetto, calcio di rigore per l’Urbetevere. Dagli undici metri si presenta Petrini che non sbaglia l’1-1. Barba © Ventura

La ripresa. Nella seconda frazione di gara entra in campo una Urbetevere più convinta e al 4’ mani nei capelli per Petrini che con una punizione a giro da posizione defilata impegna Coppotelli che smanaccia sulla traversa e salva la Lodigiani. Le lancette continuano a correre inesorabili e il nostro cronometro si bloccherà al minuto 20. I rossi conquistano un calcio piazzato, alla battuta va Barone (subentrato al posto di Ciampi) che con una splendida conclusione supera la barriera e infila il pallone all’angolino per la gioia dei compagni: 1-2. Ancora una volta l’Urbetevere viene punita su palla inattiva. Ma ai ragazzi di Barba basta anche il pareggio per passare il turno e allora i padroni di casa caricano a testa bassa: ormai mancano quindici minuti al termine della gara, i locali si riversano nella metà campo avversaria e al 26’ Petrini ha sul destro il pallone del 2-2, ma sbaglia clamorosamente il tap-in vincente a pochi passi dalla porta. La regoletta la conosciamo tutti: gol mangiato… e passano appena otto minuti, quando Tagliaboschi conclude alla perfezione un contropiede da manuale e Grifoni è costretto a raccogliere il pallone infondo al sacco per la terza volta. Tris della Lodigiani e in via della Pisana cala il sipario.