Notizie
Categorie: Giovanili - Giovanissimi

I Giovanissimi Provinciali dell'Aprilia attesi a Giulianello

La formazione pontina di mister Sapio vuole tornare alla vittoria dopo il ko di Carso e il pareggio con il Nettuno



Michele SapioDopo il pareggio casalingo con il Nettuno B, riprende la marcia dei Giovanissimi Provinciali Fascia B che sabato 14 affronteranno nell’anticipo il Giulianello. Dopo la sconfitta con il Carso la reazione c’è stata, quindi mister Michele Sapio può essere soddisfatto di come i suoi ragazzi hanno metabolizzato quel duro colpo: "Detto che i due gol del Nettuno erano viziati da errori del direttore di gara e che il risultato, per questo, è da considerarsi bugiardo, c’è da dire che la colpa del apreggio è anche nostra. Abbiamo avuto molte palle gol e facendo il rapporto tra quello che abbiamo creato ed i gol segnati è evidente che abbiamo sprecato troppo. Il Nettuno ha fatto solo due tiri, il che è indice della loro bravura, ma anche che se noi fossimo stati più presenti in fase realizzativa quelle due reti sarebbero state ininfluenti. C’ ancora del lavoro da fare".

Ma il lavoro che aspetta mister Sapio ed il suo collaboratore Alberico Gallo non riguarda solo la fase di realizzazione. La crescita dei giocatori, ma soprattutto dei ragazzi, passa attraverso molteplici situazioni: "Nelle categorie giovanili è ancora prevalente l’aspetto individuale. Cioè saltare l’uomo, fare la differenza con un calciatore tecnicamente più bravo degli altri è più semplice che nelle categorie superiori. Ma bisogna spingere anche i più bravi a capire che il calcio è un gioco di squadra: la bravura individuale è una buona cosa, ma si devono coinvolgere anche i compagni perché andare sempre all’uno contro uno dà un vantaggio agli avversari che imparano le abitudini e prendono le adeguate contromisure. Saper alternare la giocata individuale al passaggio determinante per il compagno è il lavoro su cui ci stiamo concentrando in questo momento, per dare maggiore imprevedibilità al nostro gioco".