Notizie

Il Barcellona vince il derby spagnolo e si aggiudica il Memorial Nardoni

I blaugrana si impongono ai rigori sul Valencia e mettono le mani sul trofeo. Nella finalina la Roma supera 3-0 l'Inter e sale sul podio



Il Barcellona premiato per la vittoria della sesta edizione del Memorial Laura NardoniÈ il Barcellona a conquistare la sesta edizione del Memorial Laura Nardoni. L’evento, organizzato dall’Asd Racing Club e dedicato alla memoria della moglie dell’ideatore, Sandro Tovalieri, ha vissuto nella giornata di sabato l’epilogo con le attesissime finali. Ad aggiudicarsi quella per il terzo posto è stata la Roma, che ha regolato per 3-0 l’Inter. Mattatore assoluto Cangiano, autore della doppietta che ha aperto il tabellino. Nella finalissima tutta spagnola gli azulgrana di Silva Puig, finalisti già due anni fa, si sono imposti ai calci di rigore sul Valencia. Decisiva la trasformazione di Busquets nel primo tentativo ad oltranza, dopo che Ruiz Dellà aveva neutralizzato la battuta di Sergio Soler. Oltre alle prime tre classificate, sono stati premiati i singoli giocatori. Ad aggiudicarsi il titolo di miglior calciatore del torneo è stata la mezzala dei catalani, Bernabe Garcia, mentre la palma di miglior portiere è andata a Raspa della Sampdoria. La scarpa d’oro riservata al capocannoniere è stata vinta da Nabil Touaizi (Valencia), autore di 7 reti. La coppa fair play è stata assegnata alla Virtus Lanciano.

A chiudere la serata l’intervento dei padroni di casa, Sandro Tovalieri e Antonio Pezone: “È stata una manifestazione bellissima – ha esordito il cobra - con grande partecipazione di pubblico. Ringrazio il presidente Antonio Pezone che ha dato lustro a questo torneo e tutta l'organizzazione, tecnici e allenatori che ci hanno fatto assistere a partite bellissime. Grazie al pubblico che ha rispettato i giocatori in campo, spero che sia di buon auspicio e di insegnamento per i più grandi”. “Un ringraziamento alle squadre partecipanti – ha fatto eco il presidente - che ci hanno offerto un calcio spettacolare, mettendo in mostra ottimi calciatori. Abbiamo battuto ogni record di pubblico, speriamo di migliorare nella prossima stagione e vi do appuntamento al 1° settembre del 2015”.Il sito ufficiale della manifestazione www.memoriallauranardoni.it propone le cronache di tutte le partite. Sul canale YouTube dedicato al torneo sarà possibile visualizzare, a partire da domenica, i riflessi filmati delle finali.


Il quadro completo della manifestazione

Risultati 1^ Giornata - 2 settembre: Benfica-Virtus Lanciano 17-1 (gir. A); Ajax-Novara 2-4 (B); Torino-Urbetevere 4-1 (D); Milan-N.Tor Tre Teste 2-1 (C); Valencia-Albinoleffe 5-0 (D); Roma-Racing Club 1-0 (A); Sampdoria-Barcellona 1-2 (C); Lodigiani-Inter 1-3 (B)

Risultati 2^ Giornata - 3 settembre: Torino-Albinoleffe 3-0 (gir. D); Barcellona-N.Tor Tre Teste 6-2 (C); Inter-Novara 2-0 (B); Valencia-Urbetevere  6-0 (D); Ajax-Lodigiani 2-2 (B); Milan-Sampdoria 5-0 (C); Benfica-Racing Club 2-2 (A, 19); Roma-Virtus Lanciano 6-0 (A)

Risultati 3^ Giornata - 4 settembre: N.Tor Tre Teste-Sampdoria 0-1 (gir. C); Lodigiani-Novara 2-2 (B); Virtus Lanciano-Racing Club 0-2 (A); Urbetevere-Albinoleffe 2-1 (D); Roma-Benfica 1-1 (A); Inter-Ajax 1-5 (B); Milan-Barcellona 2-3 (C); Torino-Valencia 0-3 (D)

Semifinali – 5 settembre:  Roma-Barcellona 2-5;  Inter-Valencia 1-2 

Finali – 6 settembre: 3° - 4° posto - Roma-Inter 3-0; Barcellona-Valencia 2-2 (7-6 d.c.r.)

Classifica Girone A: Roma 7, Benfica 5, Racing Club 4, Virtus Lanciano 0

Classifica Girone B: Inter 6, Ajax 4, Novara 4, Lodigiani 2

Classifica Girone C: Barcellona 9, Milan 6, Sampdoria 3, N.Tor Tre Teste 0

Classifica Girone D: Valencia 9, Torino 6, Urbetevere 3, Albinoleffe 0

Classifica Marcatori: 7 Reti - Nabil Touaizi (Valencia) 6 Reti - Fati (Barcellona)  5 Reti – Bernabe Garcia (Barcellona), João Domingues (Benfica), Pablo Orquin (Valencia)  4 Reti – Riccardi (Roma) 3 Reti – Canton Roman (Barcellona), Jair Tavares, Tiago Araujo (Benfica), Bonifazi (Lodigiani), Masoello (Torino) 2 Reti – Ben Sallan, Brobbey, Zamani (Ajax), De La Fuente (Barcellona), Alexandre Correia, Henrique Jocu, José Gata (Benfica), Bruni, Navoni (Milan), Barbarossa, Cangiano (Roma), Jonathan Rodriguez (Valencia) 1 Rete –Llansana Beuse, Maduro J., Mbinga (Ajax), Remigi (Albinoleffe), Gonzalez iglasias, Garcia Martret (Barcellona), Daniel Martins, Gonçalo Oliveira (Benfica), Ansani, Burgio, Comini, D’Aversa, Opoku, Sorrentino, Vergani (Inter), Crudo, Giorgio (Lodigiani), Barazzetta, Culotta, Frigerio, Owusu, Sala (Milan), Andriolo (Novara), Catapano, Del Mastro, Preti (NTTT), Annone, Reinaldo, Rosselli, Sozzani (Novara), Cipriani, Columbro, Paz Rodriguez (Racing Club), Cataldi D., Di Bartolomeo, Meo, Oriano, Santese (Roma), Avolio, Brignone (Sampdoria), D’Ambrosio, Capocelli, Leggero, Moreo (Torino), Califano, Chiurco (Urbetevere), Victor Bastardo, Nacho Ferrer, Pablo Francés, Raul Caudeli (Valencia), Fasoli (Virtus Lanciano)


ROMA-INTER 3-0

ROMA (4-3-3): Giuliani (32'st Maltempi); Carruolo, Santese, Cataldi D. (12'st Laurenzi), Coccia; Del Prete (1'st Cataldi R.), Iannoni (1'st Simonetti), Riccardi (C); Molinari (1'st Bouah), Barbarossa (19'st Esposito), Cangiano (13'st Oriano). All.: D'Andrea

INTER (4-3-3): Galli; Zullo (7'st D'Aversa), Ornaghi (13'st Carta), Pici, Colombini (C); Duse (1'st Burgio), Bric (13'st Carlino), Mangiarotti; Opoku, Vergani (7'st Sironi), Ansani (22'st Sorrentino). A disp.: Radaelli. All.: Mandelli

MARCATORI: 10'pt, 10'st Cangiano, 18'st Riccardi rig.

ARBITRO: Buhagiar di Aprilia

ASSISTENTI: Schmeil e Fainelli sez. Aprilia

NOTE: Spettatori: 1000. Ammoniti: Coccia, Pici, Opoku. Recupero: 3'st.


Un super Cangiano trascina la Roma verso il gradino più basso del podio. Il numero 11 giallorosso, protagonista già nella fase a gironi, inventa due soluzioni balistiche di altissimo livello per stendere un’Inter costretta a fare i conti anche con la malasorte, palesatasi sotto forma dei legni della porta di Giuliani. Dopo un avvio equilibrato, i ragazzi di D’Andrea mandano a riposo il pari al 10’: Cangiano riceve sul versante sinistro dell’area e con una staffilata col destro pesca il sette opposto. I nerazzurri cercano di rimettersi in carreggiata ma Opoku e Ansani riescono soltanto a far tremare la traversa alle spalle di Giuliani. Nella ripresa l’ala sinistra capitolina strappa gli applausi dei 1000 presenti con una punizione magistrale che lascia di sale Galli. Al 18’ è il solito Riccardi, al quarto centro nella rassegna, a far calare con largo anticipo il sipario sulla contesa trasformando un penalty concesso per un fallo di mano di Sironi. 


Bernabe Garcia, miglior giocatore del torneoBARCELLONA-VALENCIA 2-2 (7-6 d.c.r.)

BARCELLONA (3-4-3): Ruiz Dellà (1’st Troya Salcedo); Bravo Castro, Garcia Martret (C), Jaume Busquets; Bernabe Garcia, Altimira Clavell (24’pt Rosanas Moragas), Fati, Gonzalez Iglesias;  Altimira Reynaldos (12’st Ramirez Carrasco), Canton Roman, De La Fuente (27’st Fabrego Coll). A disp.: Vilamitjana Ciurana, Villa Casares, Vega Moreno. All.: Silva Puig

VALENCIA (4-4-2): Jose Barberá; Xavi Estacio, Pablo Hernandez (35+3’st Victor Bastardo), Raul Mollá, Antonio Herrero; Pablo Orquín (27’st Sergi Soler), Pablo Gonzalvez (C) (12’st Alvaro Torrijos), Marcos Chumillas (27’st Raul Francés), Nacho Ferrer (15’st Miguel Peñalver); Jonathan Rodriguez (15’st Raul Caudeli), Nabil Touaizi. A disp.: Pablo Carretero. All.: Toni Navarro

MARCATORI: 3’pt De La Fuente (B), 15’pt Pablo Orquín (V), 23’pt Pablo Orquín (V), 27’pt Canton Roman (B)

SEQUENZA RIGORI: Antonio Herrero (V) alto, Bernabe Garcia (B) gol, Xavi Estacio (V) gol, Gonzalez Iglesias (B) gol, Nabil Touaizi (V) gol, Fati (B) gol, Raul Francés (V) gol, Garcia Martret (B) alto, Alvaro Torrijos (V) gol, Bravo Castro (B) gol, Sergio Soler (V) parato, Jaume Busquets (B) gol

ARBITRO:  Sig. Andrea Pasqualetto di Aprilia

ASSISTENTI: Sig. Simmaco Aiossa di Aprilia,  Sig. Vito Angileri di Aprilia

NOTE: Recupero 1’pt, 3’st, 0’pts, 1’sts 


Il Barcellona sale sul tetto del Memorial Nardoni. Al terzo tentativo, dopo una finale persa ai supplementari contro l’Atalanta nel 2012 e l’eliminazione al primo turno dello scorso anno, gli azulgrana conquistano il trofeo dedicato alla memoria della moglie di Sandro Tovalieri. Finale al cardiopalma quella disputata sul sintetico di seconda generazione del nuovo impianto del Racing Club, con le compagini spagnole che non hanno badato a tatticismi sin dal calcio d’inizio. I catalani impiegano appena 180 secondi per sbloccare il punteggio con De La Fuente che, dal versante sinistro, spara rasoterra alle spalle dell’incolpevole Jose Barberà. Veemente la reazione dei bianconeri che, grazie all’indemoniato Orquin, trovano dapprima il pari al quarto d’ora, con una zuccata da distanza ravvicinata, e poi mettono la freccia al 23’, con la battuta d’esterno che si infila nell’angolo alla destra di un Dellà non esente da colpe. I baby canterani non sbandano e hanno il gran merito di rimettersi immediatamente in carreggiata, con l’incornata di Canton Roman che raggiunge così quota tre nella competizione. A cavallo tra le due frazioni c’è spazio per l’annullamento di due reti, una per parte: recriminano Fati per i catalani e Orquin, cui viene negata la gioia per la tripletta. Tra la ripresa e i supplementari si succedono le occasioni da ambo le parti ma il punteggio non muta, rinviando il verdetto alla lotteria dei rigori. Herrero sbaglia subito, spedendo alta la conclusione che inaugura la serie, ma Garcia Martret lo emula al quarto tentativo, allungando la tensione oltre il limite naturale delle cinque trasformazioni. Le gambe di Sergio Soler tremano e favoriscono la presa del numero 1 blaugrana Troya Salcedo e quando sul dischetto si presenta Jaume Busquets la festa è già pronta per iniziare. Barberà spiazzato e tripudio Barcellona.