Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Regionali

Il big match si tinge di giallonero: la Capitolina Marconi stende il Lido di Ostia

La formazione di Consalvo supera 4-2 i lidensi grazie ad un avvio di partita straordinario: doppietta di Rubei e reti di Cerchiari e Petrucci. A nulla servono agli ospiti i centri di Mariani e Grassi



CAPITOLINA MARCONI – LIDO DI OSTIA 4-2


MARCATORI
Cerchiari 6’ (C), Rubei 10’ e 17’ (C), Mariani 22’ (L) nel p.t.; Petrucci 15’ (C), Grassi 19’ (L) nel s.t.

CAPITOLINA MARCONI Mazzuca, Bruni Le., Angelini, Lauri, Ruberi, De Cicco, Petrucci, Cerchiari, Leandri, Becchi, Marras, Bruni Lu. ALLENATORE Consalvo 

LIDO DI OSTIA Paradiso T., Fratini E., Ruzzier, De Santis, Galoppi, Alfonso, Ridenti, Mariani, Grassi, Paradiso A., Fiorito, Budoni ALLENATORE Di Mito

ARBITRI Bucci di Roma 1, Cortopassi di Ciampino

NOTE Allontanato al 14’pt  mister Di Mito (L) Ammoniti Lauri, Becchi, De Santis Falli 5-3, 5-4 Rec. 1’pt – 3’st


La Capitolina Marconi di mister Consalvo, seconda in classificaIl big match della sesta giornata se lo aggiudica la Capitolina Marconi, che al PalaTolive supera 4-2 il Lido di Ostia e rimane in scia della capolista Palombara, che guida la vetta con una lunghezza sul team di Consalvo. A decidere il match è stato l’avvio fulminante dei padroni di casa, capaci di portarsi subito sul 3-0 e di costruire numerose occasioni per arrotondare il punteggio già nei primi 20’. Solo a quel punto si è svegliata la squadra di Di Mito che ha provato a riaprire il discorso tre punti, senza però riuscire nella difficile rimonta.


Primo tempo. Come detto, l’avvio della Capitolina è micidiale. Dopo appena 20 secondi è Paradiso a salvare su Lauri, mentre al 3’ è di nuovo il giovane portiere lidense a dire di no a Cerchiari. La spinta dei gialloneri non diminuisce e al 6’ arriva l’inevitabile rete della squadra di Consalvo. Rubei infila una splendida palla filtrante nella difesa avversaria, Cerchiari la controlla, supera Paradiso e deposita in rete. La reazione del Lido non arriva, anche a causa dell’aggressività dei padroni di casa. All’8’ Rubei costringe Paradiso alla deviazione in corner, sugli sviluppi del quale Becchi colpisce in pieno il palo. Al 10’ puntuale arriva il raddoppio: punizione di Angelini per Rubei e palla in fondo al sacco. Nonostante il doppio svantaggio, il Lido non riesce ancora a cambiare passo ed è la Capitolina a farsi vedere in avanti sempre con Becchi che non sorprende il portiere ospite. La prima azione degna di nota del Lido arriva solo al 15’. Leandri perde malamente palla e Antonello Paradiso, fratello gemello del portiere Patrizio, viene fermato da Mazzuca in uscita. Passa un minuto e Lido di nuovo in avanti. Paradiso impegna ancora una volta Mazzuca e sulla respinta Fratini calcia a fil di palo. Proprio quando il Lido sembra poter uscire dal guscio, arriva il tris della Capitolina. Paradiso salva su Petrucci, ma sulla respinta Rubei insacca senza difficoltà da dentro l’area. Il 3-0 è una punizione durissima per il Lido che, però, tira fuori gli artigli ed entra definitivamente in partita. Al 21’ Ruzzier sfiora l’incrocio su punizione, mentre sul capovolgimento Di Cicco si divora il poker della Capitolina. Nell’azione seguente, il Lido riapre il match. Conclusione di De Santis, respinta di Mazzuca e tap in di Mariani per l’1-3. Prima dell’intervallo i lidensi hanno la grande chance per riaprire definitivamente il match: Alfonso si invola tutto solo davanti a Mazzuca, ma prima il portiere, poi un difensore respingono i tentativi dell’ex Lazio Calcetto.


Ripresa. Nel secondo tempo il Lido deve forzare i ritmi per tornare in gara, mentre la Capitolina si chiude per riproporsi  in velocità. In avvio Mariani calcia sull’esterno della rete, mentre all’8’ una punizione di Ruzzier trova il tocco decisivo di Marras, che manda la sfera in corner con Mazzuca fuori causa. Passano tre minuti ed Alfonso viene disinnescato da Mazzuca, che si salva con l’aiuto del palo. Sugli sviluppi del corner, il capitano lidense De Santis lascia partire una bordata, che ancora Mazzuca devia contro la traversa. Nella prima metà della ripresa il Lido è padrone del campo e sembra poter ridurre lo svantaggio, ma al 15’ con una verticalizzazione improvvisa Lauri trova Petrucci, che calcia e supera un non perfetto Paradiso per il 4-1. Il Lido accusa inizialmente il colpo, poi torna a farsi vedere in avanti e al 19’ Ruzzier pesca Grassi, che in diagonale infila la sfera sotto la traversa. Gara nuovamente riaperta e Lido che al 24’ rischia il tutto per tutto con Antonello Paradiso schierato come portiere di movimento. La mossa dà un netto dominio territoriale ai lidensi, che però non riesco a concludere pericolosamente in porta. Ci prova due volte Alfonso ma Mazzuca si salva sempre al meglio. Non bastano i tre minuti di recupero al Lido di Ostia per raddrizzare il match e al triplice fischio sono i ragazzi di Consalvo a festeggiare per la vittoria.