Notizie

Il Ceprano si gode l'Elite e i suoi '99. Marco Cerri: "Straordinari"

Parla il tecnico degli Allievi Fascia B Regionali, diventato da poche settimane anche il direttore generale del club: "Obiettivo per il prossimo anno mantenere le categorie Elite e continuare a formare giocatori"



Il gruppo '99 del CepranoIl calcio e la Ciociaria. Qualcosa di magico. Non solo il Frosinone, non solo la Serie A, chimera diventata concreta possibilità. Ci sono anche società che nel loro piccolo raggiungono traguardi eccezionali, che spesso non trovano il giusto risalto: imprese senza voce che meritano riflettori, fari puntati laddove la luce è più fioca. E’ il caso del Ceprano, una realtà in crescita esponenziale che anche quest’anno può brindare con fragore al suo trionfo dei suoi ragazzi. Come il gruppo ’99, abilmente portato al successo dal loro allenatore Marco Cerri, “premiato” dalla società ciociara con la nomina di direttore generale. Per il secondo anno consecutivo questa squadra è riuscita conquistare il salto nei campionati Elite: prima vincendo il proprio girone nei Giovanissimi Regionali, poi in questa stagione chiudendo al primo posto il girone D del campionato Allievi Fascia B Regionali. Cerri non può che essere soddisfatto: “Abbiamo disputato una stagione straordinaria, merito della grande continuità avuta. Siamo stati bravi ad assemblare al meglio questo gruppo in estate: qualcuno è andato via e altri sono arrivati, andando a puntellare la squadra dove c’era bisogno.” Un campionato praticamente dominato, sebbene due squadre in particolare abbiano provato a mettere il bastone fra le ruote del club gialloblu: “Tor Sapienza e Centro Calcio Rossonero ci hanno dato filo da torcere, disputando un’ottima stagione, ma alla fine abbiamo conquistato la promozione con qualche giornata di anticipo. Decisivo credo sia stato il “fattore campo”: basti pensare che in casa non abbiamo mai perso e che abbiamo subìto solo tre gol, tra l’altro nella prima partita disputata tra le mura amiche.” Un cammino straordinario che solo una volta ha visto il Ceprano uscire dal campo a mani vuote: “L’unica gara persa è quella in trasferta con il Città di Ciampino, una sfida incredibile che avremmo meritato di vincere. In quell’occasione, come in tante altre, abbiamo subìto una rete su calcio di rigore. E’ capitato spesso: dei dodici gol presi in totale, cinque sono arrivati dal dischetto.” Marco Cerri però può essere soddisfatto anche di quanto ottenuto dagli Allievi Regionali, che hanno chiuso al terzo posto il proprio raggruppamento e che probabilmente saliranno di categoria, regalando un altro campionato Elite al Ceprano: “Abbiamo avuto qualche passaggio a vuoto, ma alla fine siamo arrivati a ridosso dei primi posti. Merito del gruppo ’98 e di alcuni ragazzi ’99 aggregati sotto età, che a ricasco hanno lasciato spazio a qualche giocatore classe 2000 nei Fascia B.” Il tecnico guarda anche al futuro: “L’anno prossimo avrò questa doppia veste, sia direttore generale che tecnico. L’obiettivo è mantenere queste categorie conquistate con sacrificio e dedizione, e allo stesso tempo continuare a formare giocatori. Siamo in provincia di Frosinone e in questo momento il calcio è vissuto con grande entusiasmo. Anche per noi è uno stimolo a fare meglio, avere ottimi rapporti con una società che potrebbe salire in Serie A è importantissimo, siamo orgogliosi e contenti di collaborare con la società gialloblù.” Un ultimo pensiero di Marco Cerri lo rivolge a coloro che hanno permesso di raggiungere tali traguardi: “Ringrazio tutti i miei collaboratori che sono stati fondamentali e con loro tutti i ragazzi che hanno veramente dato tutto per portare il Ceprano a questi livelli.”