Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Il Città di Fiumicino cala il tris sul Villanova e si conferma in testa alla classifica

La formazione di Scudieri batte il team di Di Loreto grazie alle reti di Palermo, Bufalini e Ponzio. Inutile per gli ospiti la rovesciata di Gianpaolo



SPORTING CITTA’ DI FIUMICINO – VILLANOVA 3-1


MARCATORI Palermo 11’pt (C), Bufalini 5’st (C), Ponzio 39’st (C), Gianpaolo 45’st (V)

CITTA’ DI FIUMICINO Chessa 6, Zamagni 6, Pompei 6.5, Geminiani 6, Palermo 7 (39’st De Franco sv), Paoliello 6, Marzi 6.5, Bufalini 7, Di Fiandra 6 (37’st Ponzio 6.5), Mambrini 6.5, Marcangeli 6 (30’st Della Vecchia sv) PANCHINA Giacchetti, Gentili, Di Menico, Cuomo ALLENATORE Scudieri

VILLANOVA Trinchera 5.5, Togna 5.5, Dovidio 6, Petrella 6, Di Mauro 6.5, Santori 6.5, Ramceski 5.5, Marini V. 6.5, Neroni 5.5 (9’st Mariti 6), Meloni 6 (29’st Marini L. sv), Gubinelli 5.5 (6’st Gianpaolo 7) PANCHINA Frera, Tavaniello, Ranieri, D’Ambrosio, Ugolini ALLENATORE Di Loreto

ARBITRO Pasqualetto di Aprilia 6

ASSISTENTI Capitani e Contessa di Rieti

NOTE Ammoniti Di Fiandra Angoli 4-6 Rec. 1’pt, 3’st


Foto © Città di FiumicinoIl Città di Fiumicino supera il Villanova nel match di vertice del girone A e si conferma capolista a pari punti con la Fonte Nuova. Una vittoria arrivata al termine di una match che i padroni di casa hanno gestito meglio nella prima metà delle due frazioni, controllando il tentativo di reazione dei ragazzi di mister Di Loreto. Ospiti che, dal canto loro, non sono riusciti a rendersi pericolosi in avanti, nonostante un buon fraseggio in mezzo al campo.


Primo tempo. Il match inizia con i padroni di casa subito in avanti, trascinati dagli assist di un ispirato Palermo. Al 5’ Petrella perde una brutta palla in area di rigore, Marzi serve Bufalini che, da buonissima posizione, non inquadra lo specchio. Gli aeroportuali tengono il baricentro alto e si rendono pericolosi ad ogni affondo e all’11’ arriva il vantaggio. Corner di Palermo e, dopo un paio di rimpalli, la palla torna ancora a Palermo che, da posizione defilata, calcia di esterno pescando il varco vincente tra le gambe della difesa ospite. Il gol non scuote il Villanova e al 19’ Bufalini non trova lo specchio da dentro l’area, mentre al 24’, ennesimo cross perfetto di Palermo per la testa di Bufalini, che non supera Trinchera. Passata la sfuriata del Città di Fiumicino, il Villanova inizia a riorganizzarsi e a farsi vedere pericolosamente in avanti. Al 28’ splendida percussione di Marini, palla a Meloni che serve Gubinelli, la cui conclusione a botta sicura viene rimpallata da Zamagni in recupero. Al 37’ ci prova senza precisione anche Racemski dalla distanza. Il Villanova paga la scarsa precisione dei suoi attaccanti. La squadra di Di Loreto, infatti, riesce a creare alcune situazioni pericolose nella trequarti aeroportuale, senza però riuscire mai a trovare la via della conclusione. L’ultima azione è ancora per i padroni di casa, ma Marzi manca il raddoppio da ottima posizione.


Secondo tempo. Nella ripresa la gara segue il copione del primo tempo. Il Città di Fiumicino è più pronto al rientro in campo e al 5’ trova il raddoppio. Palermo scodella l’ennesima palla in area. Tutti bucano la sfera, tranne Marcangeli che costringe alla respinta Trinchera. La palla arriva a Bufalini, che da due passi scarica in rete a porta vuota. Subito il 2-0, Di Loreto inserisce Gianpaolo e Mariti, schierando un Villanova super offensivo. Al 9’ è però ancora il Città di Fiumicino a rendersi pericoloso con Mambrini, che calcia alto all’altezza del dischetto. Il Villanova ha il merito di rimanere in partita e di provare a riaprire il match. Al 24’, sugli sviluppi di un corner, Santori colpisce in acrobazia, ma Chessa ha il riflesso giusto per opporsi al tocco ravvicinato e si supera in corner. Al 26’ Paoliello perde palla nella sua area di rigore, Meloni da ottima posizione carica la conclusione, ma scivola proprio nel momento di calciare, sciupando un’altra ottima occasione per il Villanova. Al 34’ il neo entrato Gianpaolo ci prova da dentro l’area, ma il suo tiro viene deviato in corner. Con i tre cambi già effettuati, Petrella è costretto a lasciare il campo per un problema all’adduttore e il Villanova rimane in dieci. Il match di fatto si chiude qui, anche perché al 39’ una conclusione insidiosa di Pompei costringe Trinchera alla respinta, ma la sfera termina sui piedi di Ponzio che insacca il 3-0. Gara ormai chiusa, ma allo scadere c’è il tempo per il gol della bandiera del Villanova. Su un cross di Racemski, la sfera termina a Gianpaolo che controlla di petto e si coordina per una fantastica rovesciata, che sorprende Chessa e strappa gli applausi a tutta la tribuna del Cetorelli, per un gesto tecnico davvero bellissimo.