Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Il Città di Fiumicino supera per 3-0 il Monterotondo con la tripletta di Di Fiandra

I padroni di casa dedicano il successo al piccolo Alessandro Ceccarelli, scomparso prematuramente



CITTA' DI FIUMICINO - MONTEROTONDO 3-0 

MARCATORI Di Fiandra 19’ pt, 19’ st rig. E 47’ st (S)

CITTA’ DI FIUMICINO Chessa 7, Di Menico 6, Gentili 6, Paoliello 6.5, Palermo 6, Commentucci 6.5, Della Vecchia 5.5 (14’ st Zamagni 6.5), Marzi 6.5 (40’ st De Franco sv), Di Fiandra 7, Ponzio 7 (23’ st De Fabiis 6.5), Mambrini 6.5 PANCHINA Giacchetti, Marcangeli, Cuomo, Di Meglio ALLENATORE Scudieri

MONTEROTONDO Alessandri 6, Palmerini 6, Gigliucci 5.5, Del Prete 5.5, A. De Dominicis 5, Politanò 5 (30’ st Federici 6), Maresca 5.5, Colombini 5.5 (20’ st Mbengue 5.5), Tiscione 5.5 (20’ st Pensabene 6), G. De Dominicis 5.5, Barbetti 5.5 PANCHINA Di Lorenzo, Magurno, Luci, Provenzano ALLENATORE Fiocchetta

ARBITRO Pacella di Roma 2, 6

ASSISTENTI Fainelli di Aprilia e De Meo di Formia

NOTE Ammoniti Colombini, Palermo, Di Menico, Della Vecchia, Palmerini, Barbetti Angoli 2-4 Rec. 1’ pt e 3’ st, Osservato un minuto di silenzio per ricordare Alessandro Ceccarelli

Al termine della gara i giocatori vanno a baciare la foto di CeccarelliIl Città di Fiumicino piega con un netto 3-0 il Monterotondo grazie alla tripletta del bomber Ciro Di Fiandra e dedica il successo ad Alessandro Ceccarelli, giovanissimo calciatore aeroportuale, venuto a mancare prematuramente per una brutta malattia. Vittoria meritata, con gli eretini che, pur avendo giocato a sprazzi, soprattutto nella prima frazione, hanno mostrato grandissime difficoltà a finalizzare, anche se oggi hanno trovato di fronte un Chessa in giornata di grazia.

Primo tempo. Toccante l’inizio di gara, con la squadra che consegna un mazzo di fiori alla famiglia del piccolo Ceccarelli, tra gli applausi di tutta la tribuna. Gli eretini vanno vicini al 6’, quando Chessa è bravissimo a respingere una conclusione al volo di Tiscione su un cross dalla sinistra. Tre minuti dopo punizione di Del Prete, velo di Tiscione che favorisce Barbetti sulla sinistra, palla di ritorno per lo stesso Tiscione che aggancia male facendo sfumare una bella azione degli ospiti. La risposta dei padroni di casa un minuto dopo con Ponzio in contropiede, che anziché cercare Di Fiandra prova il tiro da fuori che termina a lato. Al 18’ proteste dei padroni di casa per un intervento in area di Gigliucci su Mambrini, ma il direttore di gara lascia correre, con l’intervento che dalla tribuna era sembrato regolare. Un minuto dopo arriva il vantaggio dello Sporting: gran palla di Ponzio per Di Fiandra, dimenticato dalla difesa, che a tu per tu con Alessandri mette dentro. Il Monterotondo accenna una reazione con una gran botta da fuori di Colombini, deviata in angolo da Chessa, poi poco dopo lo stesso estremo difensore è bravo due volte su Maresca. Altra buona occasione per gli ospiti al 35’ con Tiscione, servito sul taglio, che conclude, ma ancora una volta Chessa è attento e respinge in uscita.

Secondo tempo. Nella ripresa gli eretini provano a spingere alla ricerca del pari, ma senza mai riuscire ad essere veramente pericolosi. Al 15’ è il Città di Fumicino ad andare vicino al raddoppio in contropiede con Ponzio che entra in area, ma da posizione defilata tira male. Tre minuti dopo gran passaggio dello stesso Ponzio per Di Fiandra, che viene steso scioccamente in area da Palmerini, fino a questo momento il migliore degli eretini: è calcio di rigore per i padroni di casa. Dal dischetto Di Fiandra non sbaglia, spiazzando Alessandri. Al 26’ Commentucci batte una punizione verso Di Fiandra, la difesa eretina sale malissimo, ma il bomber di casa indugia e si fa respingere la conclusione. Due giri d’orologio e Chessa è bravissimo a deviare in angolo la conclusione di Gianluca De Dominicis, che aveva ricevuto palla da Pensabene, poi è Maresca sugli sviluppi di una punizione a non trovare la porta.Il Monterotondo si salva al 33’, quando De Fabiis dalla sinistra mette in mezzo un gran pallone per Di Fiandra che conclude, ma è bravissimo Alessandri in uscita disperata a mettere in angolo. Poco dopo perdono subito palla gli eretini e Marzi solo davanti ad Alessandri non trova lo specchio, sciupando una ghiottissima occasione. Il Monterotondo va vicino al gol al 42’ con Federici in rovesciata, che per un soffio non fulmina Chessa. Al 47’ il definitivo 3-0: gli eretini perdono palla a centrocampo, Mambrini si invola solo davanti ad Alessandri e serve intelligentemente Di Fiandra che a porta vuota insacca siglando la sua tripletta.