Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

Il Corneto strappa un punto con il cuore in casa della Fortitudo

I romani dominano il primo tempo e trovano il vantaggio grazie ad un autogol di Galli. Nella ripresa Scarpa li lascia in dieci e i viterbesi trovano il pari a 3' dal termine



MARCATORI Galli aut. 42' pt (F), Forieri 42' st (C) 

FORTITUDO ROMA Vecchi 6, Vespa 6, Lumaca 6, Papaleo 6 (46' st Campodonico sv), Modanesi 5.5, Macellari 6, Scarpa 5.5, Midulla 6, Nardulli 6.5 (38' st Morelli sv), Mellaro 6, Pica 6 (30' st Berbellia) PANCHINA Maggini, Piccolino, Sardo, Renzani ALLENATORE Mollicone 

CORNETO TARQUINIA Iacomini 6, Chiaranda 6, Campari 6 (33' st Cruciani sv), Bordi 6, Galli 5, Maisto sv (25' pt Rosati 6.5), Gibaldo 6, Codoni 6, Martelli 6.5, Pastorelli 6 (1' st Forieri 7), Sabatini 6 PANCHINA Vittori, Ventolini, Lemme, Miani, Palumbo ALLENATORE Ercolani 

ARBITRO Affronti di Ostia Lido, 4.5 Assistenti Nocito e Ferrentino di Ostia Lido 

NOTE Espulso Scarpa 3' st (F) proteste Ammoniti Macellari, Nardulli, Lumaca, Sabatini Angoli 3-3 Fuorigioco 2-7 Rec. 1' pt, 3' st

Image titleUn pareggio dal doppio sapore. Amaro per la Fortitudo Roma, che a pochi minuti dalla fine stava pregustando la vittoria, dolce per la Corneto Tarquinia, che lotta con il cuore e rimonta nei minuti finali grazie a Forieri, strappando un punto sul campo Ostiense. Una gara non bella, ma dove l'agonismo non manca. Peccato per la prestazione del direttore di gara, a volte in confusione, anche se è stata tutta la terna a non convincere. Un esempio della giornata no il fuorigioco segnalato sugli sviluppi di una rimessa laterale tra gli sguardi increduli dei protagonisti in campo e le risatine ironiche di chi era accomodato in tribuna.

Sono i padroni di casa a tenere in mano il gioco sin dai primi istanti, ma i viterbesi si difendono con ordine e le occasioni in questa prima frazione non sono molte. La prima vera conclusione verso la porta, infatti, arriva solamente al 20', con Scarpa che ci prova da posizione defilata, ma il pallone non centra lo specchio. Quattro minuti dopo tiro centrale di Midulla, ma Iacomini è ben piazzato e respinge a pugni chiusi. In questa parte centrale la Fortitudo prova a spingere. Intorno alla mezz'ora grande verticalizzazione di Mellaro ancora per Midulla, ma il centrocampista a tu per tu con l'estremo difensore avversario lo grazia calciandogli addosso. La squadra di Mollicone aumenta la pressionese colleziona una clamorosa doppia occasione poco dopo a mezz'ora. Sull'assist di Scarpa Pica è sfortunato e colpisce in pieno il palo, passano pochi secondi ed è la traversa a dire di no a Nardulli. Il gol, però, è nell'aria e arriva al 42': cross del solito Scarpa, deviazione sfortunata di Galli che sorprende il suo portiere e permette alla Fortitudo di passare meritatamente in vantaggio prima dell'intervallo.

Nella ripresa a complicare i piani dei biancazzurri ci si mette Scarpa, che macchia la sua ottima prestazione beccandosi il rosso per delle inutili e reiterate proteste nei confronti di uno dei due assistenti. Nonostante l'uomo in più, però, la Corneto non riesce quasi mai a farsi pericolosa e si fa vedere solamente al 27'. Corner dalla destra calciato da Codoni, Rosati colpisce di testa ma il riflesso di Vecchi evita il peggio. La gara si innervosisce e l'arbitro non riesce a tenerla in mano invertendo anche un paio di decisioni in maniera alquanto bizzarra. La Fortitudo sembra controllare agevolmente nonostante l'inferiorità numerica, ma il Tarquinia ha il merito di non smettere di crederci e a tre minuti dal 90' trova il pari con due elementi enrati dalla panchina. Cross di Rosati dalla sinistra e Forieri, di prima intenzione con il destro, infila sul primo palo Vecchi. La Fortitudo prova l'arrembaggio negli ultimi secondi e Berbeglia avrebbe anche la palla buona per riportare in vantaggio i suoi, ma calcia alto da buona posizione. Poi il triplice fischio, con i romani che escono amareggiati dal campo. Soddisfazione, invece, per gli uomini di Ercolani.