Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

Il Fiumicino rimonta sul campo del Passo Corese

Tutto nella ripresa: vantaggio dei padroni di casa con Mastrantonio, poi Forcina e Bordoni ribaltano



PASSO CORESE - FIUMICINO 1-2

MARCATORI
22’st Mastrantonio (PC), 27’st Forcina, 34’st Bordoni (F)

PASSO CORESE Mercurio, Bouagba, Mattei (16’st Ribaldi), Gattarelli (31’st Petrivelli), Serratore, Marinelli, Gerli, Pitotti (31’st Manna), Mastrantonio, Loreti, Manili PANCHINA Pero, Filippi, Gara, D'Ascenzi ALLENATORE Tocci 

FIUMICINO Greco, D'Auria, De Falco, Bornino, Paolibello, Amico (41’st Ergottino), Fiorini (39’st Campoli), Fontana, Forcina, Bordoni, Anticoli (1’st De Maio) PANCHINA Greci, Di Giulio, De Nicolo, Benedetti ALLENATORE Cataldi 

ARBITRO Frioni di Civitavecchia 

ASSISTENTI Contessa di Rieti e Risa di Roma 2  

NOTE Ammoniti Fiorini, Fontana, Mattei Rec. 5’st

BordoniIl gol-capolavoro di Mastrantonio strega e illude il “Di Tommaso”, che per 5 lunghissimi minuti sogna il colpaccio nello storico esordio in Coppa Italia di Promozione, contro un Fiumicino arrivato in terra sabina con l’intento di mostrare tutta la sua forza. E alla squadra di Cataldi bastano appena 7 giri di orologio per ribaltare una situazione che rischiava di farsi complicata, con le sue “bocche da fuoco” Forcina e Bortoni, attaccanti che non tutti possono permettersi in Promozione. Gli aeroportuali vincono 2-1 fuori casa, e ipotecano il passaggio del turno, rendendo durissima, per i bianconeri di Tocci, la gara di ritorno in programma tra 15 giorni sulle sponde del Tirreno. E dire che la Coresina gioca a viso aperto e senza alcun timore reverenziale, contro una squadra decisamente più attrezzata. Anzi, tolte un paio di amnesie difensive non sfruttate da Fiorini è Mastrantonio ad avere una ghiotta palla gol al 13’; l’attaccante ex Tor di Quinto calcia alto, e il Fiumicino si salva. Al 21’ è Fiorini, ancora lui, a mancare una clamorosa palla gol tutto solo davanti a Mercurio. La gara fila via all’insegna dell’equilibrio, e il primo tempo si chiude senza reti. Nella ripresa il Fiumicino allenta un poco la sua spinta, il Passo Corese ne approfitta e va vicinissimo al vantaggio, in sequenza,  con Loreti e Mastrantonio; poi, al 22’, passa con una magia del suo centravanti, che spalle alla porta si inventa una rovesciata incredibile, con palla che si insacca sotto l’incrocio del palo opposto a quello di tiro, senza lasciare scampo a Greco. Esplode il “Di Tommaso”, ma paradossalmente il vantaggio deconcentra la squadra di Tocci, che lascia qualche spazio di troppo alle ripartenze dei romani. E quando davanti si ha gente del calibro di Forcina, si sa, ogni errore costa caro. Così, al 27’, è proprio l’ex Albalonga, lasciato colpevolmente solo in mezzo all’area, a pareggiare i conti di testa. Ed è ancora lui protagonista della ripartenza che al 34’ manda in gol Bordoni per il terrificante uno-due che ribalta le sorti del match. La Coresina reagisce, e nel finale sfiora il pari ancora con Mastrantonio, abile a girare in porta un calcio di punizione di Serratore. La palla, però, finisce alta, spegnendo le speranze del Passo Corese di portare a casa almeno un pareggio. Che forse, a conti fatti, sarebbe stato il risultato più giusto.