Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

Il Fondi passa ai rigori, nei sedicesimi c'è il Serpentara

La formazione di Sandro Pochesci elimina la formazione campana della Progeditur Marcianise con i tiri dal dischetto



PROGREDITUR MARCIANISE-UNICUSANO FONDI 3-5 (dcr)

MARCIANISE Barone M. Piscitelli, Rossetti, Conte, Follera, Baratto, Sorrentino, Leone, Sperandeo (30’ st Barone V.), D’ Anna (16’ st Ciano), Marullo (10’ st Valoroso) PANCHINA Di Lorenzo, Falcone, D’ Apolito, Fossa, Malasomma, Masi ALLENATORE Campana

UNICUSANO FONDI Coletta, Cappai, Ruggiero, Sterpone, Barbato, Rinaldi (5’ st Pepe), Carbone (26’ st Avallone), Evangelisti, Iadaresta (16’ st Alleruzzo), Di Giacomo, Angelilli PANCHINA Calandra, Centra, Martino, Catinali, Meloni ALLENATORE Pochesci

ARBITRO Citarella di Matera (Naccari-Sciammarella) 

NOTE Espulsi al 23’st Sorrentino (M) per somma di ammonizioni Ammoniti Conte, Baratto, Evangelisti Rec 1’ pt - 5’ st Sequenza rigori Alleruzzo (goal), Baratto (goal), Angelilli (goal), Ciano (goal), Evangelisti (goal), Barone V. (goal), Di Giacomo (goal), Follera (parato), Ruggiero (goal)

I calci di rigore premiano l’ Unicusano Fondi. Con un perfetto cinque su cinque dal dischetto, la formazione rossoblù la spunta sul Marcianise, ed ottiene così la qualificazione ai sedicesimi di finale della Coppa Italia di serie D (in programma il prossimo 9 dicembre), dove incontrerà il Serpentara, anch’ egli vincitore dal dischetto a spese del Chieti. Infallibili i tiratori rossoblù, tra i quali alcuni giovanotti niente affatto impauriti, determinanti al pari del portiere Jacopo Coletta, che ha neutralizzato il quarto tentativo dei campani, poi fatalmente diventato l’ ultimo.

La partita I rossoblù la spuntano e sorridono dopo una partita equilibrata e terminata sul nulla di fatto, che mister Pochesci ha inteso affrontare con diverse novità rispetto alla formazione solitamente impiegata in campionato; equilibrio dettato anche dalla formula della gara secca che avrebbe potuto rendere decisivo anche un solo errore. 

Esulta il Fondi (foto ©unicusanofondicalcio.it)Nella prima frazione, la prima chance è per i campani, con Sorrentino che cerca di creare scompiglio nell’ area fondana. I rossoblù tengono positivamente il campo, facendo gridare al goal con Iadaresta il quale, a tu per tu con il portiere avversario, non è riuscito a trovare lo spazio giusto per colpire. Nella ripresa, il tema conduttore è il medesimo, con i fondani che provano a fare la partita, contro una compagine che pure vede nel campionato l’ oggetto principale delle proprie attenzioni. Gli stessi locali rimangono anche in dieci a seguito dell’ espulsione di Sorrentino, uno dei calciatori maggiormente pericolosi, ma il risultato non cambia sino al termine.

I rigori E si approda così alla serie dei rigori, che vedono l’ Unicusano Fondi calciare per prima. I prescelti dell’ undici tirrenico vanno al tiro con freddezza e senza alcuna paura, impedendo che il portiere locale possa intuire le loro conclusioni. Al quarto tiro della Progreditur, tocca a Coletta indossare i panni del protagonista, respingendo il tiro di Follera; subito dopo, il terzino Ruggiero chiude il conto insaccando il quinto e decisivo penalty, che permette ai suoi di salutare la vittoria ed il passaggio del turno