Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Il Fonte Nuova umilia il Monterotondo al "Cecconi": 5-1 per la formazione di Oddi

Al primo affondo passano gli eretini con Federici, poi si scatenano Mereu e compagni che vanno a segno cinque volte



FONTE NUOVA - MONTEROTONDO 1-5 

MARCATORI
Federici 1’ pt (M), Mereu 2’ pt e 6’ pt (F), Muzzachi 29’ pt (F), Silvestrini rig. 5’ st (F), Razzini 32’ st (F) 

MONTEROTONDO Alessandri 5, Magurno 6, Gigliucci 6, Provenzano 5, Rizzo 5, Politanò 5, Palmerini 5 (16’ st Palomba 5.5), Brancati 5.5 (16’ st Colombini 5.5), Federici 5.5, De Dominicis 5.5, Tiscione 5.5 (25’ st Donati 5.5) PANCHINA Baldoni, Raffaelli, Barbetti, Cecere, Muraca ALLENATORE Ippoliti 

FONTE NUOVA Madawa 6, Marrocchini 6, Pupavac 6 (31’ st Cristofari sv), Minelli 7, Aguglia 6, Razzini 6.5, Bertino 6.5 (36’ st Bottoni sv), Muzzachi 7, Silvestrini 6.5 (25’ st De Michele 6), Mereu 8, Berardi 6.5 PANCHINA Silvi, Lumicisi, Loreti, Severini ALLENATORE Giangirolami (Oddi squalificato) 

ARBITRO Caciotti di Albano Laziale 6 

ASSISTENTI Nasta di Formia e Lilli di Viterbo 

NOTE Ammoniti Rizzo, Brancati, Silvestrini, Pupavac Angoli 5-3 Rec. 1’ pt  

La gioia del Fonte Nuova al termine della garaIl Fonte Nuova umilia il Monterotondo al “Cecconi”, rovinando la prima in panchina di Marco Ippoliti. Gara senza storia, dominata dalla formazione ospite, trascinata da un Mereu strepitoso (doppietta, un assist e un rigore procurato) e sempre più decisivo per la formazione di Oddi. Tempo di riflessioni, invece, per il club eretino: dopo il vantaggio immediato Federici e compagni si sono sciolti come neve al sole, fornendo una prestazione imbarazzante. Unici a salvarsi i due terzini, Magurno e Gigliucci. La sensazione è che, senza innesti, questa squadra avrà grande difficoltà a salvarsi.  

Primo tempo. Al primo affondo il Monterotondo passa in vantaggio: cross dalla sinistra di Gigliucci sul secondo palo per Federici che da due passi mette dentro di testa. Si riprende il gioco e arriva l’immediato pareggio del Fonte Nuova con Mereu, che sfrutta una gran palla di Minelli e solo davanti ad Alessandri mette dentro: da segnalare le proteste dei padroni di casa per la posizione di partenza del numero dieci. L’avvio scoppiettante non si ferma qui, perché al 6’ arriva il raddoppio, con un capolavoro balistico di Mereu che, su calcio di punizione dai trenta metri, mette la palla all’incrocio. Due minuti dopo altra buona chance per la formazione di Oddi (oggi squalificato) con Silvestrini che serve Mereu, diagonale del numero dieci che sfila di poco al lato. Al 20’ palla dalla destra di Mereu per Berardi che non arriva di un soffio alla deviazione. Monterotondo vicinissimo al pareggio quando, su una punizione di Brancati, Federici può colpire di testa tutto solo, ma il pallone termina di poco alto. Il Fonte Nuova cala il tris al 29’, quando su un corner battuto dal solito Mereu, Muzzachi viene lasciato libero di saltare nell’area piccola e di testa insacca. Clamorosa occasione per il 2-3 degli eretini al 38’ quando De Domincis innesca Palmerini, palla in area da Federici che tutto solo calcia addosso a Madawa.  

Secondo tempo. Nella ripresa, al 4’, il direttore di gara concede un calcio di rigore al Fonte Nuova per un fallo di Provenzano su Mereu: dal dischetto Silvestrini non sbaglia per il poker ospite. Al 12’ azione corale eretina con Brancati che serve in area Gigliucci, palla per Federici che non trova lo specchio. Ancora padroni di casa pericolosi al 28’ con una punizione di Colombini deviata dalla barriera che esce di poco. Quattro giri d’orologio e arriva la cinquina del Fonte Nuova con una punizione di potenza di Razzini, che entra con l’evidente complicità di Alessandri, che prende gol sul suo palo. Non accade più nulla fino al triplice fischio finale. Il Fonte Nuova ora sogna, mentre la crisi del Monterotondo sembra senza fine.