Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

Il Ladispoli sogna: espugnato il Vianello con Flores e Barone

Il Savio, falcidiato dal Giudice Sportivo, viene sconfitto con un gol in apertura e uno in chiusura di primo tempo. Ai biancoblu non basta il momentaneo 1-1 di Calandriello



MARCATORI Flores 6' pt (L), Calandriello 34' pt (S), Barone 37' pt (L) 

SAVIO Scaramuzzino 6, Lori 5.5, Marini 6 (40' st Varrenti sv), Cicchetti 5.5, Savi 6 (15' st Gatta 5), Petroni 5 (30' st Puccianti 5.5), Fulchini 6 (23' st Ranalletta 5.5), Modesti sv (1' pt Pirri 5.5), Rita 6, Calandriello 6 (23' st Caramidaru 5.5) PANCHINA Galantini ALLENATORE Carmelino 

LADISPOLI Ceccucci 5.5, Indino 6, Barone 6.5, Barbato 6 (1' st Calabresi 6), Spagnoletti 6, Veneziale 5.5, Battaiotto 6.5 (12' st Chesne 5.5), Cesarini 6.5, Flores 7, Soccorsi 5.5 (2' st Di Paolo 6), Spina 6 PANCHINA Stricchiola, Palmigiani, Di Giorgio, Surraco ALLENATORE Marinelli 

ARBITRO Anzellotti – Roma 2, 6 

NOTE Ammoniti Barone, Spagnoletti, Lori; Angoli 4 – 4; Rec. 2' pt – 6' st

Flores, autore del primo gol rossoblu © photosportroma.itCompattezza e concretezza. Sono questi i due aggettivi che meglio possono definire la prestazione del Ladispoli contro il Savio. La squadra di Marinelli espugna il Vianello e compie un bel passo in avanti nelle zone alte della classifica. Il Savio, forse ancora non del tutto in sesto dopo la brutta esperienza di Civitavecchia, costruisce veramente poco in fase offensiva, consentendo alla difesa ospite di organizzarsi sempre nel migliore dei modi e senza particolari apprensioni.

Iniziano bene i padroni di casa, che dopo appena un giro d'orologio hanno l'occasione di passare in vantaggio con Modesti. E' sfortunatissimo però l'attaccante azzurro, che nell'occasione rimedia una distorsione alla caviglia ed è costretto a dare forfait, al suo posto entra Pirri. Nei minuti immediatamente successivi il Ladispoli prende coraggio e comincia a farsi sempre più presente nella metà campo avversaria, fino a raggiungere la rete del vantaggio: al sesto minuto è Flores a 'bucare' Scaramuzzino, in seguito ad una grande percussione centrale di Cesarini a cui va gran parte del merito del gol. Il Savio prova a riprendere in mano le redini del gioco ma la partita non brilla per le occasioni da rete, quanto piuttosto per le interruzioni dovute a falli di gioco, mai però cattivi. Alla mezzora il Ladispoli sembra controllare piuttosto agevolmente il match, fino almeno al trentaquattresimo, quando il Savio agguanta il pareggio. E' Calandriello a sfruttare una clamorosa indecisione della coppia Ceccucci – Veneziale, appoggiando comodamente in rete, totalmente indisturbato. Uno a uno e Ladispoli che non accusa il colpo, anzi. I ragazzi di Marinelli caricano a testa bassa e dopo tre minuti trovano quello che si rivelerà il decisivo due a uno: azione travolgente di Battaiotto sulla destra, culminata con il cross che trova dalla parte opposta il rimorchio di Barone, il quale sferra un diagonale mancino imprendibile per Scaramuzzino. Dopo due minuti di recupero l'arbitro Anzellotti manda tutti negli spogliatoi per la pausa.

Nella ripresa le occasioni da rete si contano sulle dita di una sola mano, a causa dell'estrema concentrazione difensiva del Ladispoli e, probabilmente, di un'eccessiva sterilità in fase d'attacco da parte dei padroni di casa. All'ottavo minuto protesta vivacemente la panchina del Ladispoli, a causa di un presunto calcio di rigore non fischiato da Anzellotti, in seguito ad un intervento sul solito Flores. Al minuto numero ventisette sono ancora gli ospiti ad andare vicini a chiudere la partita, ci pensa Scaramuzzino con un super intervento a negare la gioia del gol ad Indino. Il Savio non riesce ad imbastire nessuna azione pericolosa nemmeno nell'arrembaggio finale, quando il Ladispoli inevitabilmente finisce per arroccarsi nella propria metà campo e ad affidarsi alle ripartenze veloci. Al termine di ben sei, inconcepibili, minuti di recupero, il Ladispoli può festeggiare una vittoria importante su un campo ostico, contro un Savio in giornata negativa. Jacopo Trevisani